“Perché i vostri miti sì e Pioli no?!”: Trevisani attacca

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Trevisani difende Pioli dalle critiche e paragona i giudizi su Allegri e Mourinho: la sua “Sentenza”

Nel programma di cui è ospite fisso a Cronache di Spogliatoio, Riccardo Trevisani ha parlato del Milan di Stefano Pioli in relazione all’imminente match contro il Borussia Dortmund. A tal proposito, ha paragonato i percorsi dei rossoneri e dell’Inter e alzato una riflessione sul tema del gioco. Di seguito, le sue dichiarazioni a “Fontana di Trevi”.

TREVISANI: “CHUKWUEZE, NON VI SENTO! DOVEVANO PAGARLO UN TERZO…”

Inter e Dortmund

Innanzitutto, parte dalla sfida di Champions League:

“Il Milan ha bisogno del tifo di San Siro. Ha bisogno di fare una partita, non dico come col PSG, perché non c’è Leao e non la farà. Però gioca contro una squadra che giocherà a pallone, non è brava a difendere. Con Giroud, Pulisic e speriamo anche Chukwueze può metterla in difficoltà. Per il Milan è spartiacque”.

Poi, ecco il paragone tra le due milanesi:

“Il Milan ha avuto problemi di qualsiasi tipo: ambientali, Ibrahimovic c’è o non c’è, settordici infortunati, mille casini. E alla fine si riduce tutto al fatto che, se vince contro il Dortmund, l’unica differenza con l’Inter è il derby. Una partita. Se vince con il Borussia, bisogna fare una revisione su quel che si dice su Pioli, secondo me. Ha fatto errori di cambi, di gestione, di turnover e di infortuni, che vanno ridati addosso all’allenatore. Però mica veramente vorrete pensare che sia solo tutto colpa sua? Prenderò insulti perché c’è la mania di dire Pioli out, ma in 4 anni vedo molte più cose buone”.

L’EX: “PIOLI, È NEL LIBRETTO DELLE ISTRUZIONI! MAIGNAN, BARESI E MALDINI”

In difesa del tecnico

Infine, la sua “Sentenza” dedicata a Pioli e alle critiche ricevute nelle ultime settimane:

“Il Milan ha fatto due partite oscene, vinte per 1-0: contro Verona e Fiorentina. In altri lidi, con vittorie oscene per 1-0, si parla di grandi tattica, grinta e ‘corto muso’. Perché Pioli è un cogl***e? Perché? Io voglio sapere perché della narrazione: se Pioli gioca male è un cretino, se Allegri gioca male è un grandissimo. E Mourinho se gioca male è un mito”.

Forse perché ha fatto vedere un gioco molto migliore…

“Quindi gli diamo la colpa di non essere altrettanto brillante, ma esaltiamo chi non è mai stato brillante? Ma è straordinario, è il metaverso ragazzi”.

“PIOLI NON È A RISCHIO, ANCHE SE IL MILAN…”: IL GIORNALISTA FRENA

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate