Sabatini: “Avanti con Pioli! Milan espropriato, niente scatole cinesi”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Ibrahimovic, Maldini e Massara e Pioli: il Milan e le sue scelte secondo Walter Sabatini

Intervenuto ai microfoni di Cronache di Spogliatoio durante il programma “Taconazo“, Walter Sabatini ha parlato di Milan a tutto tondo prima della trasferta di Newcastle di questa sera: dalle sue parole si evince la totale fiducia verso Stefano Pioli e la poca affinità con la proprietà e le sue scelte. Di seguito, le riflessioni dell’esperto direttore sportivo sui temi caldi in orbita rossonera.

TREVISANI: “IBRAHIMOVIC? SERVE ALTRO! PIOLI E IL CHIACCHIERICCIO”

Pioli è stato lasciato un po’ solo dal club?

“Non so quali sono i circuiti cerebrali di queste persone, francamente. O di questa persona. Non si rinuncia a dirigenti come Maldini e Massara, non ci si rinuncia così facilmente. Si deve lasciare il Milan in mano a gente innamorata e competente, come nel loro caso. Hanno fatto questa scelta e vedo che ne pagano immediatamente le conseguenze. Perché la stagione del Milan non è esemplare sotto nessun aspetto. Neanche la campagna acquisti ha dato risultati straordinari. Io starei molto attento se fossi in loro: il Milan è il Milan. Come il Manchester United, è un club straordinario con milioni di tifosi in tutto il mondo che vanno trattati con grande attenzione”.

TASSOTTI: “PIOLI, DI PIU’ È IMPOSSIBILE! ERRORE CON MALDINI E MASSARA”

Sull’eventuale esonero del tecnico:

“Cambiare Pioli sarebbe ingeneroso e sbagliato, perché comunque sia ha sempre recuperato terreno con la squadra. Non tanto in classifica, ma con la squadra: ha trovato i suoi equilibri e la capacità di affrontare le partite. Io non credo debba essere messo in discussione, ma non mi compete. Faccio solo un ragionamento: esonerarlo oggi per mettere chi? Impossibile una soluzione interna come quella di Abate, troppi ex giocatori rossoneri si sono bruciati su quell’altare. È storia che loro devono tenere a mente. Penso che si debba andare avanti con Pioli, che merita rispetto e fiducia. Così come testimoniano i giocatori in campo, che lottano e corrono per il loro allenatore. Io ci penserei molto prima di prendere questa decisione”.

Infine, Sabatini si esprime anche sull’ultima notizia, il ritorno di Ibrahimovic:

“Per adesso non riesco a capire il ruolo. Con questo comunicato il Milan risulta espropriato della sua forza, della sua presenza. Fa l’advisor in dieci scatole, tra cui anche il Milan. Ma il Milan ha bisogno di una decisione netta che lo riguardi esclusivamente. Direttore tecnico sarebbe  accettabile, gli andrebbe dato un ruolo specifico e tecnico. Non è che lo metti lì nelle scatole cinesi. È un uomo di calcio e deve fare calcio”.

ESCLUSIVA, SALA (DAZN): “IBRAHIMOVIC, SCOSSA MILAN! PIOLI RESTA ANCHE SE…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate