Milan, Moggi colpisce ancora: “Pioli è molto meglio dei suoi dirigenti”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

A distanza di pochi giorni l’ex DS Luciano Moggi rincara la dose attaccando la dirigenza del Milan e difendendo l’operato di Stefano Pioli

Nel commento alla giornata di Serie A sulle colonne di Libero affidato a Luciano Moggi è arrivata, dopo quella della scorsa settimana, un’altra critica alla dirigenza del Milan, critica che va di pari passo ai complimenti per Stefano Pioli.

Ancora contro “gli algoritmi di Furlani”

Per il Milan, scrive Moggi, “il secondo posto della classifica era poi l’obiettivo che dirigenti e tifosi si prefiggevano di raggiungere“. La soddisfazione è quella di mister Stefano Pioli, un allenatore “tanto criticato, nonostante il buon cammino della sua squadra“. Per l’ex DS, “essere attualmente secondi e aver vinto il campionato due anni or sono, non è poi un andamento da criticare troppo“.

Ancora una volta, Moggi si scaglia contro la società ribadendo il titolo del suo commento “Pioli è molto meglio dei suoi dirigenti“), sostenendo la bontà dell’operato dell’allenatore del Milan “nonostante gli sia stata consegnata una squadra con otto giocatori nuovi, presi da Furlani con gli algoritmi“. Poi ancora contro la dirigenza: “Tutti i giorni si leggono nuovi nomi di allenatori per i rossoneri e la società tace, complicando decisamente il lavoro di mister Pioli che deve mandare la squadra carica in campo, ma per far ciò deve essere credibile davanti ai propri giocatori“.

Ultime news

Notizie correlate