Milan, Borghi: “Dopo Pioli? Occhio a lui: sarebbe un binomio sensazionale”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato il 21-11-2000. Laureando in Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo all'Università Cattolica del sacro cuore di Milano. Redattore di Radio Rossonera, innamorato del Milan e dello sport in generale.

Borghi ipotizza un altro allenatore per il Milan dopo Pioli, né Conte, né Thiago Motta: sarà lui a spuntarla?

Continuano le voci sul futuro allenatore del Milan, oramai è quasi scontato dire che il ciclo di Stefano Pioli stia volgendo al termine. Ci sono diversi candidati, si è parlato di Antonio Conte, di Thiago Motta e di Julen Lopetegui. Stefano Borghi ne lancia uno nuovo, si tratta di Marcelo Gallardo, attualmente sulla panchina dell’ All-Ittihad. L’opinionista torna poi sulla stagione attuale del Milan: Pioli farà di tutto per vincere l’ultimo derby.

MILAN-ATALANTA, SCALVINI: “SAN SIRO TI CARICA. FUTURO? POSSO DIRE…”

Nuovo allenatore Milan: Borghi punta su Gallardo

Stefano Borghi è intervenuto su Cronache di Spogliatoio, nella trasmissione Taconazo. Ha sottolineato come non sia stato dato credito a Pioli per la preparazione dell’andata tra Milan e Rennes. Sul futuro allenatore ha espresso curiosità sul binomio Gallardo-Milan.

“Il Milan, qualora non dovesse rimanere Pioli, andrà sicuramente su un allenatore di gioco, di proposta, che sappia valorizzare una squadra che ha caratteristiche propositive/offensive. Alla Sarri? Si, alla Sarri. Il Milan ha sempre avuto ed adesso tiene molto a presentare quest’aura di internazionalità. Io vorrei capire prima però quali possano essere gli sviluppi della carriera saudita di Marcelo Gallardo, perché potrebbe essere un binomio sensazionale Milan-Gallardo. Vediamo. Per il momento c’è Stefano Pioli che domenica è finito al centro della critica, ma tre giorni prima secondo me ha fatto un capolavoro strategico nel bullizzare il Rennes, clamoroso, e ne ho sentito parlare troppo poco“. 

Pioli aspetta il derby di ritorno

“A Pioli cambia poco arrivare terzo o secondo? Sono poco d’accordo, anche perché per qualunque squadra del nostro paese arrivare davanti alla Juventus è sempre uno stimolo presente, perché la Vecchia Signora è il club più titolato del calcio italiano, perché la Juventus è sempre la Juventus. Arrivare davanti alla Juve è sempre una cosa alla quale si tiene. Io credo che Pioli al campionato guardi assolutamente, anche perché se avesse battuto il Monza adesso con il ritorno della Champions pesante dell’Inter sarebbe potuto rimanere in scia. Per me una partita di campionato che Pioli attende con tanti risentimenti è il derby di ritorno. Il tema derby nel percorso di Pioli al Milan è un tema spinoso per lui. Secondo me l’emiliano darebbe tanto per vincerlo.

MILAN, BASTONE E CAROTA PER LEAO, COSTACURTA: “ECCO GLI STEP PER DIVENTARE UN CAMPIONE

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate