Milan-Bologna, retroscena Di Stefano: “Pioli arrabbiatissimo! Il motivo… nella leadership?”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Peppe Di Stefano è intervenuto da Milanello parlando di Milan-Bologna e dello stato d’animo di Stefano Pioli

Il Milan non riesce a fare cinquina e si deve accontentare del pareggio nella sfida casalinga contro il Bologna. I rossoneri, dopo aver rimontato dall’iniziale svantaggio firmato Zirkzee grazie alla doppietta di Loftus-Cheek, si sono fatti raggiungere sul pari dai rossoblu in pieno recupero. Un’ingenuità difensiva ha permesso a Orsolini di presentarsi dagli 11 metri e, a differenza di quanto fatto da Giroud e Theo Hernandez in precedenza, battere il portiere. Dopo un giorno di riposo, il Milan è tornato alla corte di Stefano Pioli. Da Milanello, l’inviato di Sky Sport Peppe Di Stefano ha raccontato un retroscena legato alla partita.

MILAN-BOLOGNA, PIOLI: “C’È RAMMARICO, LA PRESTAZIONE L’ABBIAMO FATTA. ZIRKZEE? FANTASTICO”

“Dopo la partita Pioli era molto arrabbiato”

“Allenameno pomeridiano per il Milan dop 24 ore di riposo. Stefano Pioli farà di tutto per tornare in tempo, dato che al momento di trova a Firenze per la panchina d’oro assieme al team manager Marangon. La questione difensiva è un tasto dolente. Quest’anno, che sia per il modo molto offensivo di giocare o per i tanti, troppi, infortuni nel reparto (troppi perchè perdere Kalulu, Thiaw e Tomori sicuramente è molto penalizzante per i rossoneri) il milan deve guardare con attenzione alla fase difensiva. L’altro giorno Pioli era molto arrabbiato dopo la partita, ma non perchè non è riuscito a giocare bene. Il Milan, tutto sommato, la partita l’aveva portata quasi a casa, ma ha subito il gol del pari del finale su una disattenzione. Lì non si tratta di difensori, posizionamento o strapotenza della squadra avversaria. Si tratta solo di essere un po’ più attenti e avresti avuto due punti in più, centrando la quinta vittoria consecutiva”.

MILAN, PARLA GIROUD: “IO CON PIOLI NELLA TEMPESTA! IBRAHIMOVIC CI AIUTA COSÌ”

“Mancanza di leadership? Forse sì”

“Anche il tema casalingo andrà trattato poi con calma. Evidentemente anche lì qualcosa non va. Il Milan ha già perso quattro volte a San Siro in stagione, più due pareggi. Da lì è passata la corsa per lo Scudetto, l’eliminazione dalla Champions League e anche la Coppa Italia. Io non so se sia una coincidenza o meno. Prima ne parlavamo prima con Maurizio Compagnoni: che sia un po’ di mancanza di leadership per le partite casalinghe, dove si gioca di fronte a un pubblico numeroso e sempre esidente? Forse anche sì, però il Milan deve trovare un rimedio anche a questo problema e tornare a fare tanti punti a San Siro come ha sempre fatto nel corso della propria storia”.

CARESSA: “PIOLI, UN PUNTO DI FORZA HA SALVATO IL MILAN: ECCO QUALE”

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate