Pioli Milan, De Paola agli opinionisti TV: “Fatevene una ragione”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Paolo De Paola “difende” i tifosi del Milan da chi non percepisce il loro movimento spontaneo sul tema allenatore e Stefano Pioli

Intervenuto con un editoriale sul sito di Sportitalia, il giornalista Paolo De Paola entra nello specifico sul tema allenatore di Milan e Juventus e, quindi, Stefano Pioli e Massimiliano Allegri. Il giorno dopo il confronto diretto tra le due big che con ogni probabilità cambieranno guida tecnica il prossimo anno, la firma sottolinea il sentimento dei tifosi e lo rapporta con giudizi e reazioni “pubbliche”.

De Paola contro “i senatori della parola”

Innanzitutto, sostiene che Stefano Pioli e Max Allegri siano prontamente soccorsi da servizi televisivi e attempati colleghi di fede o meno”. Chi sostiene che i due abbiano centrato il traguardo minimo viene definito da De Paola “contabile dei risultati minimi”. A questi, sarebbe “problematico far percepire che esiste un movimento spontaneo composto in larghissima parte da tifosi milanisti che non ne può più di Pioli”

Infine, va dritto al punto: “I sostenitori allo stadio, davanti alla tv, come alcuni dirigenti all’interno della società formano l’onda del dissenso, che per i senatori della parola nei salotti calcistici tv risulterebbe ingiusta. Se ne facessero una ragione“.

Ultime news

Notizie correlate