“Conferma Pioli per una chiara percezione!”: il racconto della scelta del Milan

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Dalla pazienza per il mercato alla scelta del Milan su Pioli: il giornalista chiede di valutare il club a 360°

Il Milan arriva da un restyling societario non di poco conto: quando in estate sono cambiati gli operatori tecnici del calciomercato, la proprietà RedBird ha scelto di confermare e dare continuità a Stefano Pioli. Anche oggi, al netto di qualche passo falso e un’emergenza infortuni che si protrae da diverso tempo, la decisione sull’allenatore rossonero è stata ribadita. Su questo e sulle operazioni fatte in estate, Daniele Longo ha espresso la sua opinione. Attraverso i propri canali social, il giornalista di Calciomercato.com ha sottolineato a più riprese come servano pazienza e completezza di giudizio.

“EFFETTO OTTICO, NON DICIAMO BUGIE”: MILAN, DUE GIUDIZI TRANCHANT

Tra mercato e studio

Longo parte dalla campagna acquisti, per la prima volta targata Giorgio Furlani, Geoffrey Moncada e Antonio D’Ottavio. Questo il suo tweet su X:

“Il progetto del Milan è a lungo periodo: l’idea era quella di creare una nuova base da completare nelle prossime sessioni di mercato. Reijnders ha grandi margini di miglioramento, così come Chukwueze. Alla prima stagione in serie A non si può pretendere tutto e subito”.

La penna che segue quotidianamente le vicende di calciomercato rossonere, sottolinea così il lavoro di questo nuovo assetto societario:

“La dirigenza viaggia, si aggiorna, cerca nuovi profili futuribili ed altri più pronti. Qualche errore è stato commesso, inutile negarlo, ma vanno considerate anche le situazioni raccolte”.

“PIOLI VA RINGRAZIATO: ORA E’ SOLO! RINNOVO, E’ ANDATA COSI”: MALDINI SPIEGA

Colombo e Pioli

Nell’ultimo turno di Serie A, Luka Jovic ha trovato il primo gol con la maglia rossonera e, considerata l’assenza di Olivier Giroud per squalifica, è arrivato in un momento di necessità. Del vice del francese si è parlato a lungo, anche in virtù delle buone prestazioni a Monza di Lorenzo Colombo. Una curiosità da Longo:

“Colombo voleva andare, diversi giocatori non avevano un mercato interessante”.

Poi, invita a un quadro completo su Pioli e la scelta del Milan di dargli continuità, aggiungendo un particolare molto importante:

“Gli infortuni hanno penalizzato la squadra in tante partite, non sempre si riesce a essere competitivi con un numero così alto di assenze. La scelta di confermare Pioli è stata dettata dalla percezione di uno spogliatoio talvolta nervoso ma comunque dalla parte dell’allenatore. Poi a fine stagione si tireranno le somme e i risultati determineranno i giudizi”.

CONDÒ: “L’IDEA DI PIOLI NEL MOMENTO DELICATO: ECCO LE AMBIZIONI DEL MILAN”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate