“Pioli e le bugie, la bilancia pende”: Pedullà critica

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Pedullà non risparmia diverse critiche a Stefano Pioli dopo una settimana pessima a livello di risultati per il suo Milan

Dopo un punto in una delle settimane più importanti della stagione per difficoltà degli impegni, il Milan di Stefano Pioli ha steccato. Alfredo Pedullà ha palesato alcuni problemi che sta vivendo il mister rossonero, tra “bugie“, malumori dei senatori dello spogliatoio e una bilancia che “pende nettamente a suo sfavore“. Di seguito, le parole del giornalista in un editoriale sul portale web dell’emittente Sportitalia.

SACCHI CONTROCORRENTE: “IL MILAN E PIOLI STANNO MIGLIORANDO COSI”

I problemi di Stefano Pioli e del Milan

“Stefano Pioli ha dato un considerevole contributo al cammino recente del Milan, ma commette errori importanti che vanno segnalati. La scorsa stagione sarebbe finita senza qualificazione in Champions se non avessero tolto i punti alla Juve. Certo, proprio nella manifestazione europea più importante per club è andato fino alla semifinale, ma sarebbe stato meglio uscire ai quarti per evitare di essere preso a ceffoni in quel modo dall’Inter. Il mercato estivo è stato ritagliato su misura, in linea di massima rispettando le richieste dell’allenatore. E anche sulla tempistica c’è poco da dire: i nuovi sono arrivati in tempo, sono costati tanti soldi, per permettere di lavorare sulla “chimica di squadra” con quel minimo di tempi necessario per non essere con l’acqua alla gola. È giusto che Pioli mediti sull’ultima settimana, lasciando perdere i cinque ceffoni rimediati dall’Inter in campionato. Dall’ultima settimana: la sconfitta troppo ingenua contro la Juve, la scampagnata a Parigi che lui ha sintetizzato con un primo tempo di “ottimo livello” (bugia), le pesanti osservazioni di Calabria (il capitano), Giroud che non accetta la sostituzione, si isola in campo per meditare e sbollire, Leao che chiede spiegazioni, i cambi inadeguati (Pulisic fuori per precauzione? Tutti tranne Romero al suo posto, l’argentino non è ancora pronto, non si sostituisce sempre ruolo per ruolo, l’allenatore deve avere fantasia a tutela della squadra). Ecco, l’ultima settimana in più episodi ha visto la bilancia pendere nettamente a sfavore dell’allenatore, una scala a Pioli (di problemi): in campo e fuori, è un’aggravante. E tutti quegli infortuni, non possono essere figli del caso”.

“CHIARIMENTO E STRIGLIATA… IN AEREO”: CONFRONTO PIOLI, BIG, SOCIETA’

Bivio Taremi

La situazione in casa Milan sarebbe potuta essere diversa con Mehdi Taremi? Alfredo Pedullà torna su una delle trattative più calde dell’estate di calciomercato, soprattutto per quanto riguarda le ultime, forsennate ore della campagna trasferimenti. Al posto di Luka Jovic, scelto come rimpiazzo all’ultimo minuto, a Milanello poteva arrivare l’iraniano del Porto. E occhio perché a Milano potrebbe arrivare presto… ma dall’altra parte del naviglio.

“La storia di Taremi è molto semplice, un bivio. E non potrebbe essere diversamente quando sei a pochi mesi dalla scadenza del contratto. Il Milan avrebbe voluto prenderlo la scorsa estate, ma il Porto ha alzato il muro, Taremi non ha forzato la mano ed è rimasto dov’è. L’Inter ci aveva pensato prima del Milan e ci sono stati contatti anche poche settimane fa. Taremi verrebbe a gennaio, gli piacerebbe il nerazzurro, ma l’Inter nella sessione invernale non vuole spostare una virgola tra i quattro attaccanti. E la situazione cambierebbe soltanto se ci fosse qualche contrattempo, altrimenti l’assortimento offensivo va bene così fino alla prossima estate. All’Inter piacerebbe Taremi, ma dal primo luglio. E quindi adesso la palla passa a lui, deve decidere cosa vuole fare da grande: se rinviare un nuovo matrimonio oppure se procedere tra pochi mesi, valutando le varie proposte (non soltanto dalla Serie A) con l’avallo del Porto. L’Inter lo apprezza molto, ma soltanto a determinate condizioni e a patto di lungo parcheggio dell’iraniano in sala d’attesa. Della serie: a gennaio gli equilibri non si toccano, a maggior ragione se i meccanismi funzionano perfettamente”.

TREVISANI: “LEGA SPARITA? IL MILAN HA UN CALENDARIO OSCENO, MA CHE ERRORI DI PIOLI!”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

pedullà milan pioli critica

Ultime news

Notizie correlate