il 13/02/2024 alle 16:55

L’ex Milan: “Pioli ha fatto il suo tempo, due giocatori sono regrediti”

0 cuori rossoneri

Chi sta con Stefano Pioli, chi no: Simone Braglia reputa finito il ciclo del tecnico al Milan, e non solo per i risultati

Mentre negli ultimi giorni abbiamo letto grandi elogi (o grandi difese) nei confronti di Stefano Pioli, il dibattitto attorno al ciclo dell’allenatore al Milan resto vivo. Non solo tra i tifosi, ma anche tra addetti ai lavori ed ex calciatori come Simone Braglia, passato anche da Milanello tra il 1997 e il 1998. Il portiere ritiratosi nel 2002 ha rilasciato un’intervista a TMW Radio nella quale racconta i motivi per cui Pioli sarebbe arrivato al termine della sua esperienza al Milan.

Simone Braglia dichiara finito il ciclo di Stefano Pioli sulla panchina del Milan

PIOLI MILAN, TREVISANI: “NON OUT, CHAPEAU. ACCANIMENTO DA PAZZI”

Ciclo finito?

Nel corso della trasmissione “Maracanà“, gli è stato chiesto se la società dovrebbe ripensare alla permanenza del tecnico. Questa la risposta di Braglia:

“Pioli in rossonero ha fatto il suo tempo. Se devo andare a valutare quella che è stata la valorizzazione dei giocatori in rosa da quando è stato allontanato Paolo Maldini, i giocatori sono regrediti. Theo Hernandez e Leao non hanno fatto quel miglioramento visto in precedenza. Pioli comunque ha dato tantissimo e la società spesso non è stata all’altezza nel sostenerlo”.

Un mese fa, dopo la vittoria dei rossoneri sulla Roma, aveva già battuto su questo chiodo. Infatti, accorpò le due dirigenze americane (Friedkin e Redbird), attribuendo loro una mancanza di linearità:

“La società dovrebbe delegare al direttore sportivo la scelta dei giocatori insieme al tecnico. I risultati non possono solo essere quelli di quest’anno, ma si devono valutare nel complesso. Mourinho non si può criticare per quanto fatto prima, i risultati li ha portati alla fine. Mourinho oggi viene esautorato a metà campionato e non è un suo fallimento, ma della società. Devi dare tempo di lavorare agli uomini di sport“.

I DUBBI SULL’EX DIFENSORE: “IL MILAN DI PIOLI NON CONVINCE, SI È SVEGLIATO TARDI?”

Brambati su Pioli

Sullo stesso tema, l’ex difensore Massimo Brambati prova a proiettarsi alla fine della stagione, con un’eventuale trionfo europeo.

“Ha dato un cambio di rotta nelle ultime nove uscite, hanno raddrizzato la situazione e qualcosa dirà anche l’Europa League. È un trofeo che il Milan non ha mai alzato. Non so se potrebbe cambiare la sua storia, ma è certo che mandare via un allenatore che vince l’Europa League non è semplice. Secondo me devono prendere comunque una decisione prima di una ipotetica finale di europea”.

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

NOTIZIE MILAN