“Milan, ti ringraziano! Allegri ha quel che a Pioli manca”: l’analisi

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Una nuova analisi su Pioli e la crisi del Milan: il giornalista lancia un paragone con la Juventus di Allegri

Il Milan si appresta ad affrontare il Newcastle per l’ultimo impegno del girone di Champions League con un’altra brutta prestazione e, soprattutto, una nuova sconfitta: la panchina di Stefano Pioli è a rischio? Difficile stabilirlo oggi, anche e specialmente prima di conoscere le sorti europee dei rossoneri, ma le analisi sul tecnico del Diavolo sono continue. L’ultima in ordine di tempo la riserva Paolo De Paola, che con un editoriale per Sportitalia giudica le grandi per le prestazioni del weekend (Juventus-Napoli e Atalanta-Milan).

“MILAN INCAPACE, PIOLI HA SPARATO ALTO”: L’EX E L’AUTOGOL SCUDETTO

Pioli, un Allegri qualsiasi?

Di seguito, la riflessione del giornalista su Pioli, il Milan, la Juve e Allegri. 

“Il campionato ormai è un discorso a due fra Inter e Juve, dietro si è già creato il vuoto grazie a un Milan distratto che perde contro l’Atalanta più scadente dell’era Gasperini. Ormai non fa nemmeno notizia. Fa più notizia che Pioli si adatti a giocare come un Allegri qualsiasi (con l’inutile giro palla in difesa) e che Allegri, al contrario, stia finalmente offrendo un gioco offensivo più proponibile. Insomma si sta ribaltando il mondo. […] La mission bianconera ha ormai coinvolto i giocatori: tutti, ma proprio tutti puntano (giustamente) allo scudetto costringendo anche Allegri ad alzare l’asticella e ad aumentare le aspettative di gioco. I giocatori si allenano meglio e addirittura spronano il proprio tecnico a osare di più. Proprio ciò che manca a Pioli”.

“HA SENSO ESONERARLO? A INIZIO SETTEMBRE…”: MILAN, RETROSCENA SU PIOLI

La scossa di Ibra

A tal proposito, dopo il paragone tra i due tecnici il giornalista si sofferma sui rossoneri, Zlatan Ibrahimovic e la “scossa” che secondo la sua opinione sarebbe necessaria.

Sì faccia presto con Ibra che serve maledettamente a questo Milan che ha smarrito la vis pugnandi, la voglia di combattere su ogni pallone. Ibra è l’unico che può davvero dare una mano a Pioli lasciando da parte sciocchezze quali “delegittimazioni” o “invasioni di campo”. O vi aspettate davvero che uno come lo svedese possa stare dietro una scrivania a discutere di affari? No, il Milan ha bisogno rapidamente di una scossa e solo Ibra può dargliela guardando in faccia, uno per uno, i giocatori“.

DEJA VU ATALANTA-MILAN, TOCCA ANCORA A IBRAHIMOVIC: CARDINALE LO CHIAMA

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate