ESCLUSIVA, Pedullà: “Pioli, esercito allucinante! Nemmeno se fosse giugno…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Pedullà giudica il Milan e Pioli: dal (cattivo) giudizio sul 2023 alla lotta Scudetto, le sue parole in esclusiva

Intervenuto ai nostri microfoni nel corso del Talk (in onda dal lunedì al giovedì alle ore 16), Alfredo Pedullà ci ha lasciato un suo commento sull’ultimo match del Milan di Stefano Pioli. Non solo, perché il sempre diretto esperto di calciomercato si è soffermato sull’operato del tecnico in questo anno solare e sul suo percorso in rossonero. Di seguito, i diversi argomenti toccati sul canale Youtube di Radio Rossonera.

“CONFERMA PIOLI PER UNA CHIARA PERCEZIONE!”: IL RACCONTO DELLA SCELTA DEL MILAN

Scudetto ed emergenza

Pedullà, per lo Scudetto è corsa a due o si può allargare?

“A sei punti nel mese di dicembre, mollare sarebbe delittuoso per il Milan. È chiaro che deve migliorare in alcune cose per poter essere competitivo, per non avere alcune contraddizioni che ha avuto nell’ultimo periodo, però sono giochi giornalistici che lasciano il tempo che trovano. Basterebbero altri 3 punti per parlare la settimana prossima di una corsa a tre e non a due. Io andrei cauto con queste previsioni definitive. Sicuramente Inter e Juventus sono le due squadre che hanno dimostrato di più per continuità e coerenza di certe scelte e situazioni”.

Cosa ne pensi della stagione del Milan finora?

“Non bene, non penso bene ma di tutto l’anno solare. Ormai siamo alla conclusione del 2023 e io ritengo che sia stato un anno insufficiente che parte con un gennaio inenarrabile che conoscete molto meglio di me, con crolli e risalite, con momenti buoni e troppi momenti bui, con una non-coerenza nel rendimento e scelte azzardate. Anche perdere i due derby di Champions in quel modo fa male. Il mercato continuo a giudicarlo buono, non posso cambiare idea ogni 10 minuti. Il campionato è fin qui troppo altalenante, con un’emergenza infortuni che può vincere la medaglia d’oro alle olimpiadi. Avere quasi 30 infortunati e non dare una spiegazione che appartiene allo staff di un allenatore per me è abbastanza delittuoso e manda alla ricerca di alibi che sinceramente non concepisco e non condivido. Dovresti essere a giugno per avere il numero di infortunati che ha avuto il Milan. E se anche fosse giugno, non saresti soddisfatto e penseresti che l’anno dopo dovresti diminuire questo gap che è assolutamente inconcepibile”.

PEDULLÀ: “PIOLI CAPOLINEA. PROPRIO LUI NON CI SPIEGA IL PERCHÉ!”

Un anno insufficiente

Un commento di Pedullà sul 2023 di Stefano Pioli:

“Non buono. La premessa è rapida: il Milan gli deve essere riconoscente per la ricostruzione che c’è stata dopo quel 5-0 di Bergamo. Però due cose non condivido: l’assenza di continuità, per la quale il voto è 5 in questo inizio di stagione per essere generoso, e poi la ricerca di alibi. Lui a volte dovrebbe evitare frasi goffe e buffe per spiegare una catena di sconfitte o rovesci clamorosi, o il fatto che il Milan non sia in campo. Questa è la cosa più inquietante, però: Pioli ha un esercito di difensori mediatici per me allucinante. A Pioli consentono tutto. Un conto è essere grati, un conto è vestire la maglia quando hai il microfono e non fare delle critiche. La mano di un allenatore si deve vedere a prescindere dalle critiche. Vorrei un po’ più di schiena dritta quando va giudicato un allenatore che va ringraziato e che, però, ha fatto un 2023 insufficiente”.

CONDÒ: “L’IDEA DI PIOLI NEL MOMENTO DELICATO: ECCO LE AMBIZIONI DEL MILAN”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate