Pioli a SkySport: “Con De Ketelaere sta a me capire cosa fare, non è immune da pressioni”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Ai microfoni di Sky Sport, dopo aver parlato in esclusiva ai canali ufficiali del club, Stefano Pioli si è concentrato su alcuni calciatori della sua rosa: Charles De Ketelaere, Rafael Leao e Zlatan Ibrahimovic.

Stefano Pioli sul ritiro di Dubai
“Sono stati dieci giorni molto importanti. Dopo una sosta di 17-18 giorni, avevamo ripreso a lavorare a Milanello, dove abbiamo insistito un po’ di più sul volume del lavoro. Questo periodo invece ci è servito per rivederci, per stare insieme ed avere dei focus su alcune situazioni di gioco sulle quali abbiamo lavorato. Ci siamo dati un obiettivo per cercare di ripartire su certe situazioni in maniera ancora più chiara e precisa, quindi è stato un momento di lavoro nel quale abbiamo ritrovato i nostri ritmi giocando partite difficili, che ci hanno aiutato. Soprattutto le difficoltà ci aiuteranno a crescere e a capire dove la nostra lente di ingrandimento dovrà cadere. Quindi è stato sicuramente un ritiro molto utile e un momento molto importante perché cercheremo di arrivare alla ripresa della stagione con ancora più convinzione, forza e fiducia. I giocatori che sono qui a lavorare lo hanno fatto con grandissima disponibilità”.

Sulla stagione in corso, quello che è stato e quello che sarà
“Io rimango convinto della qualità dei miei giocatori, al completo siamo una squadra forte e competitiva per cercare di vincere ogni singola partita, sapendo che il livello si è alzato. I nostri competitor sono molto forti, il Napoli soprattutto sta dimostrando di avere una qualità incredibile. Chiaramente se il Napoli manterrà questo livello credo che farà più di 100 punti e a quel punto bisognerà solo fargli i complimenti, ma io credo che il nostro obiettivo sia quello: spesso mi chiedono del mercato di gennaio, ma il nostro mercato di gennaio sarà recuperare i giocatori infortunati. Al completo questa squadra è forte: ha le qualità, la volontà e la determinazione per giocarsi tutte le proprie possibilità nelle competizioni in cui siamo ancora in corsa. Il nostro obiettivo è vincere qualcosa e abbiamo ancora quattro competizioni sulle quali focalizzarci”.

LEGGI QUI ANCHE – ESULTA IL MILAN, PRIMO GOL DI NASTI IN SERIE B –

Pioli su Charles De Ketelaere e sul momento difficile che sta vivendo dal suo arrivo in rossonero
“Quando alleni ragazzi così giovani secondo me l’importante è la base. Non c’erano dubbi sul fatto che Tonali o Leao avessero il potenziale per diventare dei grandissimi giocatori. La cosa più difficile, quando alleni ragazzi così giovani, è prevedere quando scatterà nella loro testa qualcosa che permette loro di raggiungere quei livelli. Vale anche per De Ketelaere, nessuno ha dubbi sulle sue qualità o sul suo potenziale. Continuo a pensare che stiamo facendo tutti delle valutazioni troppo affrettate: il nostro è un gruppo in cui tutti siamo a disposizione per cercare di far capire le situazioni e per cercare aiutare dei giocatori che hanno bisogno di tempo per inserirsi e per capire le cose. Starà a me adesso aspettarlo e capire quando accelerare. Spesso le apparenze possono ingannare: lui è un ragazzo semplice, sereno, ma chiaramente non può essere immune da certe pressioni. Le pressioni che sta vivendo qua probabilmente nel suo vecchio club non le aveva, ma anche questo fa parte del percorso di crescita, soprattutto mentale, di un giocatore. Ad un giocatore giovane serve sempre una crescita prima mentale e poi tecnica. Io posso solamente dire che vedo un ragazzo molto felice e molto sereno. Farlo giocare come punta? Ci può stare, anche pensando alle prossime partite, quando incontreremo difese a schierate a cinque”.

Pioli su Rafael Leao, tra il Mondiale e il rinnovo di contratto
“Era inaspettato che venisse qui a salutarci e questo ci ha fatto molto piacere, testimonia che i ragazzi stanno bene insieme. Abbiamo un gruppo variegato che più variegato non si può, arrivano da tutte le zone del mondo e hanno culture e abitudini diverse, ma hanno trovato il modo di stare bene insieme. Rafa è contento, disponibile e sereno, lo vedo molto positivo e finché vedo i miei giocatori così non posso che essere soddisfatto. È senza dubbio una cosa positiva per il nostro futuro. Credo che abbiamo fatto tanto insieme con tutti i giocatori, ma credo che nessuno di noi abbia ancora veramente toccato il massimo del proprio potenziale. Rafa ha fatto un percorso di crescita incredibile, sempre con la mente in crescendo, ma ha ancora tante cose su cui può lavorare con ancora più qualità e intensità. Chiaramente farlo con noi, dove conosce tutte le situazioni, di sicuro lo può agevolare”.

LEGGI QUI ANCHE – ESCLUSIVA – PELLEGATTI: “RINNOVO BENNACER? SPENGO L’OTTIMISMO” –

Pioli su Zlatan Ibrahimovic
“Credo che lui abbia un’intelligenza superiore e che si sia saputo calare in una realtà che non aveva mai vissuto prima. Quando Zlatan è arrivato, il Milan non era una squadra che si pensava potesse vincere il campionato. Lui ha avuto l’intelligenza di capire i modi e i tempi in cui intervenire, con durezza quando era il momento di essere duri ma anche con comprensione quando bisognava aiutare i compagni. Zlatan è solo positivo per noi. Lui non ha mai la pancia piena, questa è stata sempre la sua mentalità e la sua forza. Vuole sempre qualcosa in più da sé stesso e facendo così riesce sempre a pretendere qualcosa in più da chi gli sta vicino. Qualsiasi cosa farà, speriamo che tra poco possa tornare a giocare, cercherà di ottenere sempre il massimo e anche qualcosa in più perché è questa la sua mentalità. I campioni sono campioni nella testa, hanno l’ossessione di ottenere il massimo da qualsiasi cosa. Lui si sveglia la mattina per fare di tutto affinché possa ottenere il massimo dalla sua giornata in qualsiasi momento. Quando è focalizzato su una situazione, ci va dentro a cento all’ora e non si ferma fin quando non ha ottenuto il suo obiettivo”.

Pioli su Theo Hernandez e Olivier Giroud
“Ho tifato per Olivier e Theo, so quanto possa essere importante per un giocatore vincere un Mondiale. Giroud l’aveva già vinto, per Theo era la prima vera grande esperienza internazionale con la sua Nazionale ed è chiaro che quando arrivi in finale ti rimane la delusione di non aver vinto, però ci siamo sentiti questa notte e loro devono essere orgogliosi del percorso che hanno fatto. Giroud ha dimostrato di essere quel campione che tutti quanto conosciamo, non solo dal punto di vita tecnico ma anche per lo spessore umano, mentre Theo ha dimostrato quello che io e Maldini continuiamo a dirgli da tempo, ovvero che può diventare e sta diventando il terzino sinistro più forte del mondo”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Stefano Pioli Dubai
Photocredits: acmilan.com

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate