Change privacy settings

Inter-Milan, Pioli in conferenza stampa: “Il derby è una grande opportunità”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

L’allenatore del Milan Stefano Pioli è intervenuto nella consueta conferenza stampaalla vigilia del derby Inter-Milan programmato domani sera alle 20.45 a San Siro. Il tecnico rossonero ha parlato della settimana trascorsa a Milanello, dello stato di forma della squadra, dei cambiamenti da attuare rispetto alla Supercoppa, delle critiche dopo la gara con il Sassuolo e del rientro parziale in gruppo di Ibrahimovic. Qui le parole di Pioli:

Sulla settimana di lavoro a Milanello

“Si, abbiamo preparato un piano partita anche visto le ultime nostre partite e la finale di Supercoppa. Era tanto senza una settimana di lavoro e ci siamo buttati dentro il nostro lavoro con determinazione e attenzione”.

Partita simbolo

“Credo che combacia la data con il derby dello scorso anno. Il derby è una grande opportunità e dobbiamo fare di tutto per coglierla”

ULTIME NOTIZIE MILAN – DI STEFANO: “PIOLI STA MISCHIANDO LE CARTE, IO VI DICO OCCHIO A… VRANCKX!”

Sullo forma della squadra

“Ho sempre pensato e credo ora che si gioca domenica per come ci si allena. Sicuramente è stata un’ottima settimana”.

Sui cambiamenti rispetto alla Supercoppa

“Abbastanza facile fare un’analisi delle situazioni da non ripetere di quella partita. In partite così importanti e sentite gli episodi a favore o sfavore possono decidere la gara e noi abbiamo subito su tre situazioni tutte su palle inattive, due calci piazzati. Sono situazioni che abbiamo analizzato e che dobbiamo fare sicuramente meglio”.

Sul divario tra le due squadre

“Che l’Inter arrivi meglio sì, che l’Inter abbia fatto meglio nelle coppe sì. In campionato abbiamo fatto meglio noi e abbiamo ancora la possibilità di dimostrare di essere meglio di loro in Serie A”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – L’EX BANDIERA DELL’INTER: “MI GODO IL MOMENTO DI CRISI DEL MILAN”

Sulle critiche dopo il Sassuolo

“Le critiche non sono eccessive e ci stanno tutte. Quando le cose non vanno sono il primo a mettermi in discussione. Solo le persone mediocri non ammettano certi errori, quindi sono concentrato e motivato per dimostrare che possiamo fare molto meglio, perché chiaro che le ultime prestazioni non sono alla nostra altezza, ma rimango ancora più convinto di allenare un gruppo speciale per gli atteggiamenti visti in settimana”.

Sulla leadership di Ibrahimovic

“L’importanza di Zlatan è sempre stata tangibile in questa squadra. Purtroppo Zlatan ieri ha fatto 10 minuti con noi e oggi non ha fatto con noi. Le due partite con il Tottenham purtroppo per lui arrivano presto. Non abbiamo ancora garanzie di quando sarà il suo rientro e di quando sarà al 100% per aiutare la squadra. Io mi auguro con tutto il cuore che Zlatan possa tornare a giocare ai suoi livelli per quello che sta facendo, poche persone farebbero quello che sta facendo lui per ritornare da un infortunio così difficile e complicato”.

Sui gol subiti

“Un insieme di situazioni di squadra e di reparto che vanno sviluppati meglio, perché gli errori ci sono stati e il nostro bottino di gol subiti è troppo elevato. Quello è già un punto di partenza su cui andare a lavorare per migliorare il risultato finale della partita”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – DERBY, BERGOMI: “INTER AVVANTAGGIATA? MACCHE’, BISOGNA RESETTARE TUTTO”

Sui commenti dei giocatori dell’Inter dopo la Supercoppa

“C’è una regola nello sport chi vince festeggia e chi perde subisce. Cerchiamo di cambiare l’ordine”.

Sulle eventuali frizioni interne

“Non è così ed è il contrario. Un gruppo di giocatori che sta lavorando per tornare ai propri livelli e nessuno si è mai degnato di avere atteggiamenti negativi e non adatti al nostro modo di lavorare e stare insieme. Siamo compatti”.

Sul risveglio delle emozioni del passato

“Non credo ce ne fosse bisogno, perché non parliamo di 6 anni fa, ma di un mese fa. Sappiamo chi siamo, cosa possiamo fare e dare, quindi siamo concentrati sul tornare a essere quel tipo di squadra”.

La gestione della stagione

“La zona Champions era nei primi 4 posti in Italia ed è un obiettivo importante. Non è che perché ci siamo arrivati negli ultimi 2 anni dobbiamo darlo per scontato poi basta vedere la classifica di qualsiasi altro campionato europeo per capire che il Napoli sta facendo qualcosa di impressionante. Con gli altri siamo lì e poi abbiamo ancora la Champions che è un obiettivo altamente importante”.

LEGGI QUI ANCHE – INTER-MILAN, INZAGHI IN CONFERENZA: “RISPETTIAMO IL MILAN, UNA GARA CHE VIVRà DEL SINGOLO EPISODIO –

Sui possibili cambiamenti tattici

Non lo so, cioè lo so ma non lo dico oggi”.

Sugli infortuni

“è vero che a Dubai abbiamo avuto qualche infortunio di troppo quando era il momento invece di mettere un pò di benzina nel motore e per qualche giocatore non è successo. Gli infortuni di Bennacer e Tomori avendo ripreso a giocare spesso può succedere, ma la squadra è in buone condizioni”.

Su cosa temere dell’Inter

“Devo avere grande rispetto, ma abbiamo dimostrato anche in passato di potercela giocare e abbiamo lavorato tutta la settimana pensando alla partita di domani per dimostrare chi siamo e tornare alla vittoria”.

Sulla situazione Skriniar

“Non lo so e non mi interessa”.

Segui la nostrapagina Facebookper non perderti nulla di quell