Adani: “Ok Pioli, ma è tradito dai big! Perché Mudryk e non Leao?”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Il futuro di Pioli fa discutere opinionisti ed ex calciatori: per Adani è stato più volte ‘tradito’ dai big

Theo Hernandez, Rafa Leao e Mike Maignan: questi i tre protagonisti del Milan di Stefano Pioli che secondo Lele Adani stanno rendendo al di sotto delle loro possibilità. Negli studi Rai per “La Domenica Sportiva”, l’ex giocatore ha parlato del futuro del tecnico e di come i maggiori esponenti del suo gioco in passato non lo stiano supportando. Ecco la sua riflessione personale sul tema.

“NON PUOI GIUSTIFICARLI COSÌ!”: DIBATTITO AL CLUB SU LEAO E THEO HERNANDEZ

Tradito da Mike e Theo

“Non dobbiamo presentare Antonio Conte, ma invece cercare di capire la situazione Pioli. Conte è un grandissimo allenatore, non so se tornerà in questa circostanza o in altre, ma tornerà. Se fai un mestiere come quello dell’allenatore, come diceva Sinisa Mihajlovic, ci si divide in due categorie: chi è esonerato e chi lo sarà. Il ciclo di Pioli, l’ho già detto qualche settimana fa, se non è finito ora sarà finito a giugno. Io penso questo: sicuramente Pioli ha fatto tanti errori, li continuerà a fare e cercheranno di correggere questa strada degli infortuni che è veramente grottesca, perché sono troppi. Anche gravi e muscolari. Però credo che vada sottolineata una cosa: Pioli spesso è stato tradito dai suoi big. Maignan è uno che porta punti e spesso anche noi abbiamo detto che è il miglior portiere al mondo, probabilmente. Sta facendo errori grandi. Io penso anche a Theo Hernandez, che non ha più il rendimento né dell’anno scorso né di due anni fa”.

“MILAN, A CHI LA DOBBIAMO DARE?!”: ORDINE DURISSIMO CON PIOLI

Leao è un caso a sé

“Ma per me il caso più eclatante è quello di Leao, che credo sia il giocatore più pagato della nostra Serie A. E questo sicuramente l’ha guadagnato con quello che ha fatto soprattutto due stagioni fa. Però se noi guardiamo la sua stagione e il suo atteggiamento, anche nella partita con la Salernitana… Su 23 partite stagionali che ha fatto il Milan, lui ne ha saltate solo 4 e il rendimento è basso. Non è consono a un giocatore di livello assoluto. Gli errori sono troppi. Prima se staccava la spina durante la partita, quando era ON era decisivo, adesso non è così. In questo momento non sta giustificando né l’ingaggio, né il mercato che sembrava avere. Mi dovete spiegare perché il Chelsea prende Mudryk e il City di Guardiola prende Doku e non va su Rafa Leao”.

“LESA MAESTÀ? DIA RISPOSTE SERIE!”: SALERNITANA-MILAN, TORNA IL TEMA LEAO

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

 

Ultime news

Notizie correlate