“Sportiello prolunga, Pellegrino 2024!”: Milan, gli stop più lunghi

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Si aggiorna la situazione infortuni in casa Milan: da Pellegrino a Bennacer, passando per Sportiello e Caldara. Emergenza ancora per qualche mese

In casa Milan, con i recenti stop (nell’ordine) di Simon Kjaer, Christian Pulisic, Pierre Kalulu e Marco Pellegrino in concomitanza col pareggio di Napoli, l’emergenza infortuni si infittisce. Una situazione che, purtroppo per i supporter rossoneri, perdura da qualche anno e alla quale ancora non vogliono abituarsi. Per dovere di cronaca, però, ogni giorno ci si ritrova ad affrontare e ascoltare gli aggiornamenti da questo fronte. Dopo aver parlato dei più vicini al recupero, tocchiamo il tasto dolente dei “lungodegenti“.

IL PUNTO SUGLI INFORTUNATI: KJAER, LOFTUS, PULISIC E CHUKWUEZE, CHI RECUPERA PER L’UDINESE?

Il pre allenamento e Reijnders

La Gazzetta dello Sport questa mattina parlava di Kjaer, Loftus-Cheek, Pulisic e Chukwueze come rientranti per Udinese, PSG o Lecce. A Sky Sport, però, Manuele Baiocchini ha affrontato anche il tema più critico di chi starà lontano dai campi ancora per diverso tempo. Innanzitutto, l’inviato a Milanello ha raccontato prima della sessione pomeridiana di allenamento la situazione degli scorsi giorni, immediatamente successivi alla sfida del Maradona contro il Napoli. Queste le sue parole:

“Il primo allenamento dopo i due giorni di riposo di Pioli, anche se in realtà Milanello è stato pieno per metà: in questi i giorni i tanti infortunati sono venuti per fare cure e terapie. C’era anche chi era indietro di condizione, come Okafor, si è allenato per cercare di pareggiare quella dei compagni. Oggi tutti insieme hanno ripreso la preparazione in vista della partita contro l’Udinese di sabato sera”.

Poi, il focus si sposta su Tijjani Reijnders, fedelissimo di Pioli:

“Incredibile il rendimento di Reijnders. O meglio, incredibile il minutaggio. Perché era stato preso come acquisto importante, ma in pochi pensavano che sarebbe diventato un punto così fermo del Milan dopo soli tre mesi. È quello che ha giocato di più, anche di Maignan: 1053 minuti. Nelle 13 partite giocate, 12 da titolare e tutte e 4 quelle con l’Olanda. Forse anche per questo le sue ultime prestazioni sono apparse un po’ in calo”.

IL MILAN TORNA SUL CALCIOMERCATO: CHI SONO I 3 DIFENSORI SEGUITI

Tra dicembre e il nuovo anno

Al termine dell’allenamento, ecco la situazione infortuni descritta da Baiocchini, il quale parla anche di Samuel Chukwueze:

“Notizia semi buona per quel che riguarda Chukwueze. Il giocatore è uscito dalla palestra e sta un po’ meglio. Ha lavorato sul campo: salterà Udinese e PSG ma può esserci con il Lecce. Su Kalulu, invece, diciamo che si valuta se operarlo o meno, ma molto probabilmente si opererà. Comunque, tra oggi e domani si saprà la decisione definitiva”.

Infine, un parere anche su Marco Sportiello (fermatosi prima di Milan-Juventus) e Pellegrino (uscito in Napoli-Milan):

“Sarà un’emergenza lunga per il Milan: tanti rientreranno nel 2024. E mi riferisco a Kalulu, Pellegrino, Bennacer e Caldara, che non ha neanche mai giocato. Sportiello, invece, tornerà a dicembre”.

ESCLUSIVA, ZILLE (DAZN): “CONTE? NON HA IL DNA MILAN! GLI INFORTUNI…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

pellegrino milan baiocchini

Ultime news

Notizie correlate