Tomori fuori un mese, Milan sul mercato a tutti i costi? – Carlo Pellegatti, nella trasmissione di Radio Rossonera PelleRossonera, ha risposto alle numerose domande dei tifosi rossoneri. Argomento principale il mercato invernale soprattutto dopo l’infortunio di Tomori.

“Il menisco si divide nel menisco “bobaniano” che ha tenuto fuori Boban per oltre 40 giorni e che ti lascia delle conseguenze. e quello “baresiano” che è quello mediale che ha consentito a Baresi di essere in campo in meno di un mese. Quello che si è lesionato Tomori è il mediale. Io voglio essere fiducioso e non escludo che Tomori possa giocare il derby del 6 febbraio. Altrimenti pazienza. Certo la sfortuna si accanisce anche perché dobbiamo giocare di fila contro Juve e Inter in piena coppa d’Africa e con un sacco di assenze.

Intanto il mercato entra nel vivo e l’infortunio di Tomori costringe il Milan a scelte obbligate. “Certo bisogna dire che in tre gare Kalulu non ha sbagliato nulla” spiega Pellegatti “E se fosse più forte dell’acquisto che vorremmo vedere dal mercato? Anche perché Romagnoli e Gabbia hanno le stesse caratteristiche. Bravi nell’anticipo, ma in difficoltà nei primi dieci metri, mentre Kalulu ha caratteristiche decisamente diverse.

Dalle mie informazioni il Milan avrebbe preso una scommessa. Un giovane di quantità e di qualità. Dopo l’infortunio di Tomori non so se ora il Milan farà delle scelte diverse.

Il Milan guarda alla parte economica. Magari sta aspettando gli ultimi giorni di mercato per strappare un prezzo migliore.

Il ruolo del Milan? Le annate precedenti sono l’eccezione non la regola. Il Milan deve essere stabilmente in Champions e deve puntare allo scudetto. Ogni anno che non vinci qualcosa è un anno deludente.

Lunedì a San Siro arriva lo Spezia. L’anno scorso abbiamo fatto l’errore di pensare all’Inter trascurando la formazione ligure e rimediando una sconfitta che ha pregiudicato il resto del campionato; se non giochi con il ritmo che hai avuto a Venezia rischi seriamente. L’anno scorso probabilmente abbiamo perso il campionato proprio in quella partita.

La formazione? Maignan, Florenzi, Kalulu, Gabbia, Theo, Bakayoko, Krunic, Leao, Diaz, Saelemaekers con Ibra in avanti. Anche se Pioli potrebbe inventarsi qualcosa per rendere questa formazione meno prevedibile.

Vincendo con lo Spezia rubi dei punti all’Inter, all’Atalanta o ad entrambe. Per cui la partita dell’anno scorso deve entrare dentro i giocatori. Dobbiamo chiudere la partita in mezz’ora.

Il rinnovo di Kessie? Ribadisco, spero che ci aiuti a vincere scudetto e coppa Italia, ma per il rinnovo credo che sia un discorso chiuso.

Le sue dichiarazioni dopo Milan – Genoa mi lasciano perplesso. Se il rinnovo di Leao non si chiude entro la fine di febbraio il discorso rischia di complicarsi. Non dobbiamo mettere i giocatori in condizione di guardarsi intorno. Vanno rinnovati al più presto.

Ipotesi Van de Beek? A Manchester non gioca sarebbe un affare. Brahim Diaz soffre la fisicità io lo vedrei come giocatore spacca partita, anche se potrebbe sorprenderci ritrovando continuità. Sicuramente ci servirebbe uno che fa viaggiare la palla. Scambio Pobega – Bremer? Credo che il Milan punterà su Bremer ma senza sacrificare Pobega”.

Guarda QUI  la puntata di Pelle Rossonera

Leggi QUI Infortunio Tomori – Le cause da escludere e i tempi di recupero

photocredits acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *