Milan, Pellegatti: “Ciclo finito per Pioli. Ho capito e sono sollevato” (ESCLUSIVA)

I più letti

Piero Mantegazza
Nato il 21-11-2000. Laureando in Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo all'Università Cattolica del sacro cuore di Milano. Redattore di Radio Rossonera, innamorato del Milan e dello sport in generale.

Pellegatti non vede più possibilità di continuare con Pioli: i problemi tattici e ambientali del Milan, tutti sul banco degli imputati

Carlo Pellegatti è intervenuto nel consueto format “Filo Rossonero”: Stefano Pioli lascerà il Milan a fine stagione, l’ambiente ha sancito il verdetto. Pellegatti è tornato sugli errori di Monza-Milan: manca un giocatore in grado di gestire determinate situazioni. Non c’è più fiducia in Pioli, al primo passo falso piovono critiche su di lui: ormai è inevitabile cambiare.

SVOLTA CONTE, FUTURO DECISO? “PENSA CHE SIA IL CLUB IDEALE PER LUI”

Dopo Monza tornano tanti fantasmi: “Partiamo ricordando che nelle precedenti 9 partite ne abbiamo vinte 7 e fatto 2 pareggi. Non ho trovato grandi differenza con la partita con il Rennes e con il Napoli, soprattutto nella prima parte della partita. Il Milan di Monza è stato molto lento e macchinoso, ieri Adli ha giocato la peggior partita della sua stagione e Bennacer non è ancora al meglio. Bisogna dare la colpa anche al movimento delle punte, non hanno permesso le verticalizzazioni”.

Tanti gol subiti: “Il centrocampo non filtra, Kjaer e Gabbia sembravano averci messo una pezza. Ieri è stato un errore mettere Thiaw. Hanno sbagliato a non prendere un difensore nel mercato di gennaio, i difensori rientreranno ma avranno bisogno di tempo per ritrovare la condizione. Si poteva mettere Theo centrale, ma è facile dirlo dopo”.

Ciclo finito per Pioli: “In un certo senso sono sollevato. Ho capito che se un allenatore ti porta in una buona posizione in classifica e al primo passo falso piovono critiche, legittime. Giusto che a fine anno Pioli lasci, non si può continuare così. Anche se vincesse l’Europa League poi al primo infortunio si tornerebbe in questa situazione. Io mi auguro che trovi un’altra squadra, perché a livello ambientale ora la situazione è ingestibile. Anche la gestione della doppia competizione è stata fatta male”.

Dopo il pareggio la vai addirittura a perdere: “Manca qualcuno che sappia gestire certe situazioni. Pioli ha tolto un difensore inserendo Musah perché dovevamo pareggiare. Forse Kjaer potrebbe essere questa figura. Con il pareggio avremmo detto altre cose, avremmo detto che impresa da 0-2 a 2-2 in 10”.

MORETTO: “MILAN SU LOPETEGUI: 3 MOTIVI CONVINCONO IL CLUB”

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate