(ESCLUSIVA) Pellegatti: “Leao, guarda Mbappé e impara questo!”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Intervistato in esclusiva da Radio Rossonera, Carlo Pellegatti ha parlato di Leao e di come il portoghese può raggiungere il livello di Mbappé

Manca sempre meno alla sfida tra Paris Saint Germain e Milan, tra Kylian Mbappé e Rafa Leao. I due top player delle rispettive squadre sono chiamati questa sera a trascinare i propri compagni di squadra verso un successo dal peso specifico notevole per quanto riguarda gli equilibri del girone. Se però il francese ex Monaco ha già ampiamente dimostrato di poter stare nell’olimpo dei grandissimi per i prossimi anni di calcio, al portoghese ex Lille manca ancora qualcosa per raggiungere lo status dell’avversario di stasera. Intervistato in esclusiva da Radio Rossonera, Carlo Pellegatti ha parlato di Leao e di come il portoghese può arrivare al livello di Mbappé.

PADOVAN: “LEAO, COSI’ PUOI AIUTARE IL MILAN! RISPETTO A MBAPPE’…”

Pellegatti su PSG-Milan

Chi gioca stasera in mezzo al campo?

“Io sono rimasto a Krunic e Musah insieme a Reijnders, Musah darà probabilmente una mano a Kalulu per cercare di limitare Mbappè come Gattuso fece con Oddo contro Cristiano Ronaldo nel 2007. Krunic è ritenuto più adatto per stasera rispetto ad Adli, andando controcorrente rispetto all’opinione generale dei tifosi”.

Come si affronta il match di stasera nell’ottica dei punti del girone?

“Si gioca da Milan, propositivi e come già fatto in passato. A volte è andata bene, altre meno bene…ma non bisogna fare calcoli. Si parte dal presupposto che il PSG ha avuto parecchi passi falsi nell’ultimo mese e mezzo, ma la domanda da farsi è: vedremo il Milan giocare con la stessa autorevolezza con cui ha affrontato Newcastle e Dortmund oppure risentirà un po’ della sconfitta contro la Juventus. Se è il primo caso, sono gli altri che devono preoccuparsi. Il Milan è fra le prime 4 d’Europa, cosa che il PSG non è mai riuscito a fare, quindi saranno loro a dover regolarsi di conseguenza. Io non ho mai avuto alcun complesso di inferiorità, a livello di esperienza internazionale non c’è paragone con loro. A me fanno paura perchè c’è Mbappè, punto e stop. Speriamo che Leao arrivi a un livello che gli altri giochino avendo paura di lui. Il PSG è dietro al Nizza e al Monaco nel campionato francese, 3 settimane fa ha pareggiato col Clermont Ferrand”.

RONALDINHO: “LEAO COME MBAPPE’! PSG E MILAN, E’ STATO DIVERSO”

Pellegatti su Leao

Su chi metti la tua attenzione stasera?

“Forse Leao, anche se nel Milan non c’è il giocatore che spicca ma il gioco. Il problema del portoghese è che nessuno si lamenta mai di lui, e così facendo lo fai adagiare in una zona di comfort che non lo aiuta a crescere, perchè se Leao vuole diventare un fuoriclasse, così non lo diventa ma rimane un grande campione. Deve avvicinare Mbappè quanto a voglia di far gol, killer instinct. Quando Sacchi lo critica, lo dice perchè vuole il bene del Milan e di Leao. Chi fa i gol se non lui? Dev’essere lui a farli. Ma di gol ‘alla Leao’ ne fai 1-2 all’anno, non ne puoi fare 10”.

TREVISANI: “IL MILAN SENZA LEAO NON GIOCA PER LA CHAMPIONS! IL REGISTA E’ KRUNIC…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

pellegatti esclusiva

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate