Pavard: “Inter, che rivali! Giroud me ne parlava, i consigli di Theo…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Inter, Pavard vuole la seconda stella: nella sua intervista, spazio anche per il Milan e il rapporto con Giroud e Theo Hernandez

Il neo acquisto dell’Inter Benjamin Pavard è notoriamente molto amico dei francesi del Milan. In particolare di Olivier Giroud e Theo Hernandez, del quale ha anche indossato la maglia in estate facendo scalpore sui social. Questa mattina, a La Gazzetta dello Sport, ha rilasciato un’intervista nella quale, oltre che degli obiettivi personali e di squadra, parla anche di loro. Eccola riportata di seguito.

VIERI: “IL MILAN È L’OPPOSTO DELL’INTER”. ADANI: “L’AVEVI DETTO!”

Obiettivo seconda stella

Il suo amico Olivier Giroud però ha provato a “reclutarla” al Milan?

«Ah si (ride, ndr). Più che del Milan, Olivier mi parlava dell’Italia e della Serie A, del tifo negli stadi. Un punto sensibile: mi piace il fervore dei tifosi. All’Inter ho trovato proprio quello che cercavo».

Anche se non l’ha giocato, come ha vissuto il derby?

«Bellissimo: quando ho visto i fumogeni, i nostri tifosi che sbattevano i pugni sui vetri del nostro pullman per caricarci, i cori in un Meazza pieno, avevo i brividi. Gioco a calcio per questo genere di emozioni. A me piace il pubblico caldo, perché anch’io sono così: con i tifosi ci capiremo».

Quali difensori di Serie A l’hanno ispirata?

«Tanti, da Laurent Blanc a Walter Samuel, e più in generale le leggende da Paolo Maldini a Lilian Thuram. Sono tutti fonte di ispirazione: ho 27 anni e posso migliorarmi e imparare molto. All’Inter posso realizzarmi».

Quali sono i suoi obiettivi?

«Sono venuto qui per mettere la seconda stella sulla maglia e restituire ai tifosi l’affetto che mi hanno dato fin da prima che firmassi, con i tanti messaggi che ho ricevuto sui social. Si meritano grandi trofei».

DILEMMA SAN SIRO: “NON CI RISULTA CHE MILAN E INTER LO VOGLIANO LASCIARE”

La vita a Milano

Forse è più difficile vincere lo scudetto con l’Inter che la Bundesliga con il Bayern?

«In realtà la scorsa stagione abbiamo rischiato di perdere il campionato (il titolo è stato vinto sul Borussia Dortmund solo con un sorpasso all’ultima giornata, ndr), ma è vero che qui le rivali non mancano: Milan, Napoli, Juventus, Lazio, Fiorentina. Ma la stagione è lunga. Anche per questo non ho esagerato troppo con Giroud e Theo dopo il derby stravinto. Casomai mi rifaccio alla fine, se vinciamo il campionato».

Come va la vita milanese?

«Milano la conoscevo un po’ e mi piaceva già. Da voi si mangia bene anche se ho poco tempo per i ristoranti. Per ora vivo in hotel. Giroud e Theo mi hanno dato qualche consiglio: sono amici, ma non quando arriva il derby…».

Cosa ne pensa di Giroud portiere?

(ride, ndr) «In realtà speravo che il Genoa alla fine segnasse. Ha fatto una bella uscita, magari lo mettono in porta anche in nazionale».

FRANCIA, INTER-MILAN È GIÀ INIZIATA: THURAM STUZZICA, THEO E PAVARD…

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

pavard inter

Ultime news

Notizie correlate