Milan, Di Caro: “Bloccato Lopetegui non Fonseca, i tifosi si sono rassegnati”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

L’editoriale sulla scelta del Milan di puntare su Fonseca e le difficoltà che troverà a partire dalla diffidenza dei tifosi

Andrea Di Caro nel suo tema del giorno su La Gazzetta dello Sport ha analizzato la scelta dell’allenatore del Milan che con ogni probabilità ricadrà su Paulo Fonseca. Il giornalista ha approfondito la decisione della società, ha elencato le possibili difficoltà che potrebbe trovarsi di fronte il portoghese, in particolare la reazione del pubblico ai primi passi falsi.

Nessun top coach vicino ai rossoneri

Andrea Di Caro nel suo editoriale su La Gazzetta dello Sport ha scritto della scelta del Milan di puntare in panchina su un profilo come Paulo Fonseca, che è coerente all’identikit ricercato dai dirigenti in questo momento. Il giornalista ha sottolineato che nessun top allenatore è stato vicino al Milan. Il tecnico del Lille, secondo Di Caro, appare l’alternativa a Julen Lopetegui. L’opzione dello spagnolo è stata bloccata dai tifosi, che al momento non hanno fatto altrettanto con Fonseca pur non apprezzando la sua candidatura.

La sfida di Fonseca al Milan

L’ex allenatore dello Sporting Braga per Di Caro: “Dovrà fare i conti con la diffidenza di un ambiente che chiedeva un grande nome in grado di riaccendere l’entusiasmo”. Non ci sarà probabilmente uno sbarramento, perché secondo il giornalista i tifosi si sono rassegnati all’idea che il top coach non arriverà. Il pubblico dovrà ingoiare un profilo che non li affascina. Il tempo ci dirà quale delle due parti, società e tifo, dovrà ricredersi.

Ultime news

Notizie correlate