Milan, Ordine: “Fonseca, una montagna da scalare per una serie di motivi”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

La parte dell’editoriale di Franco Ordine sui motivi che rendono difficile il compito di Fonseca al Milan

Franco Ordine ha svelato i due motivi che rendono l’inizio dell’avventura di Paulo Fonseca al Milan una montagna da scalare. Quello che fa riferimento all’importanza della panchina dei rossoneri ambita dai più grandi allenatori al mondo e il secondo riguarda il confronto che ci sarà quotidianamente con il suo predecessore Stefano Pioli. Al tecnico portoghese è richiesta un inversione di tendenza rispetto alla scorsa stagione, in cui però lui non era la guida tecnica, sia a livello di risultati ma anche per il numero di infortuni.

Le due motivazioni

Franco Ordine ha riservato una parte del suo editoriale di oggi su Il Corriere dello Sport alle difficoltà che attendono il prossimo allenatore del Milan Paulo Fonseca. Il primo motivo per cui l’avventura che attende l’ex Roma non sarà semplice è il fatto che: “siederà sulla panchina che tutto il mondo Milan avrebbe riservato ad Antonio Conte nel frattempo trasferitosi a Napoli”. La seconda motivazione per la quale non sarà semplice il percorso che l’ex tecnico del Lille dovrà affrontare ogni giorno al Milan è l’ombra di Pioli con il quale il confronto sui risultati raggiunti sarà costante.

Ultime news

Notizie correlate