Papin: “Origi? Ci vuole di più… Milan, per svoltare devi prendere lui”

DiDavide Giovanzana

Mag 30, 2022

L’ex pallone d’oro rossonero Jean-Pierre Papin ha dato qualche consiglio al Milan per la prossima stagione. Qui le sue parole alla Gazzetta dello Sport:

Papin, ha sentito Giroud?
«Ci ho provato nei giorni scorsi ma non ci sono riuscito. Lo capisco, deve essere molto occupato… (risata, ndr) Dico a voi quello che direi a lui: sono felicissimo per Olivier, è stato l’uomo delle grandi partite. A qualcuno magari possono tremare le gambe quando c’è da vincere a tutti i costi, ma non Giroud. Lo ha dimostrato per tutta la stagione».

Ha vinto la squadra più forte?
«Sì. E se il Milan farà gli investimenti giusti, potrà competere anche in Champions League».

Sembra di sentire Maldini…
«Ho letto quello che ha detto, lo condivido. Con due-tre rinforzi il Milan potrà alzare il livello in Champions: quest’anno è uscito ai gironi ma aveva avversarie da ottavi in su, e ha dimostrato di potersela giocare con tutti».

Nell’intervista con la Gazzetta, Maldini ha anche detto che lui e il d.s. Massara non sono stati contattati dalla società nonostante siano in scadenza: “Lo trovo poco rispettoso”.
«Paolo è il Milan, non posso immaginare un futuro senza di lui. Ha svolto un lavoro straordinario, il suo contratto e quello di Massara sono i primi da prolungare».

Tra i loro “capolavori” c’è Maignan. Più forte lui o Donnarumma?
«Non saprei, sono due grandissimi portieri con caratteristiche diverse. Maignan è cresciuto tantissimo al Milan, dimostrando che è un numero uno di livello mondiale. È entrato in squadra con l’umiltà giusta, quando arrivi al Milan devi fare così».

Leggi QUI anche – Cardinale a Milano: le tappe per il signing! E durante la festa scudetto… –

Kalulu l’ha stupita?
«Tantissimo, è maturato con una velocità impressionante. Ma in Serie A è così: solo da voi un calciatore acquisisce le nozioni tattiche giuste per diventare un big. Ho imparato anche io, a 29 anni e con un Pallone d’oro nel salotto…».

A Hernandez Maldini aveva pronosticato un futuro sul podio mondiale dei terzini. Aveva ragione?
«È tra i migliori e al Milan ha preso il volo. Ho rivisto il gol all’Atalanta: sembrava Ronaldo il Fenomeno. In rossonero ha dimostrato anche di essere un signor professionista, il merito è soprattutto di Pioli».

È sua la firma più importante sullo scudetto?
«Certo, in due-tre anni ha costruito una squadra vincente. Non sbaglia una mossa, è perfetto per lo stile e la storia del club. Ha dato al Milan un gioco da top club europeo e ha fatto crescere i giovani, come Tonali, già un uomo squadra, l’anima del centrocampo e non solo, e Leao».

Dal Liverpool arriva Origi.
«Un buon giocatore, con esperienza ad altissimo livello. Ma per il Milan ci vuole di più… Penso a Nkunku del Lipsia, veloce ed efficace sotto porta: lo vedrei molto bene con Pioli».

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

photocredits: acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan