Milan, Scaroni in Senato: “Da risolvere il problema scommesse, sugli stadi restano vincoli”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Le tre richieste del presidente del Milan Scaroni ai senatori per facilitare la crescita del sistema calcio italiano

Il presidente del Milan Paolo Scaroni è intervenuto al Senato nell’ambito del panel dal titolo “Prospettive di riforma del calcio italiano”. Il numero 1 del CDA rossonero ha fatto una vera e propria ricetta ai senatori presenti su quello che serve e va ripristinato al calcio per poter aumentare la propria competitività con gli altri campionati. Qui i punti esposti da Scaroni alle istituzioni.

Il ripristino dei benefici fiscali

Paolo Scaroni è stato una tra le personalità che sono intervenute in Commissione al Senato nell’ambito del meeting sul progetto riforma del calcio italiano. Il presidente rossonero ha così esposto gli ambiti di miglioramento. Il primo punto ha riguardato l’eliminazione dei paletti attuali sulle sponsorizzazioni delle società di scommesse: “Bisogna risolvere il problema delle scommesse. Non ha senso che il mondo scommetta sul calcio e noi non abbiamo nessun beneficio. È stato il parlamento italiano in passato che ci ha impedito di partecipare a questi ricavi e questo parlamento può cambiare questa politica dissennata”. Il secondo problema sottolineato riguardo il ripristino dei benefici fiscali: “Sono stati eliminati i benefici fiscali per i nuovi, questo ci ha creato un danno colossale. Norma incomprensibile, visto che l’unico beneficio che il calcio italiano aveva era la possibilità di attrarre talenti mondiali, e ci è stato eliminato. Mi auguro che venga ripristinato”.

Milan, Scaroni chiede provvedimenti sui nuovi stadi

Il terzo e ultimo problema segnalato dal presidente del Milan Scaroni ai senatori riguarda il capitolo stadi con poche persone che possono bloccare il desiderio di tanti tifosi e delle società di avere uno stadio di proprietà. Queste le sue parole in Commissione: “Provvedimenti legislativi sugli stadi possono aiutare, anche se sono un po’ scettico visto che viviamo in un Paese dove le minoranze, anche minuscole ma rumorose, sono capaci di bloccare tutto. Restano comunque dei vincoli per non fare”.

Ultime news

Notizie correlate