Ordine: “Lazio, Napoli, Milan: correggo una citazione di Mou”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Tre indizi che aiutano a comprendere ciò che accomuna tre squadre come Lazio, Napoli e Milan: Ordine va dritto al punto

Non troppi giri di parole, Franco Ordine cita la frase di José Mourinho “chi sa solo di calcio, non sa nulla di calcio” per associare le simili situazioni dei tre club tra i quali anche il Milan. Per il giornalista, come Napoli e Lazio in rossonero si è commesso l’errore di fare a meno di chi sa di calcio. Di seguito, il suo pensiero nell’editoriale scritto per Il Giornale.

“IL MILAN NON È SCORRETTO! MEDITATE, GENTE…”: LA CRITICA DI ORDINE

I tre casi

“Cosa hanno in comune Napoli, Milan e Lazio? – si chiede Ordine. Al netto dei recenti risultati non esaltanti, c’è un tratto dell’organizzazione societaria che li accomuna e certifica la tendenza a fare a meno di alcune figure calcistiche. De Laurentiis, dopo l’addio a Giuntoli con tanto di livoroso commiato, l’ha sostituito con una figura di secondo piano (il ds Meluso) convinto di poter fare tutto da solo anche il secondo mestiere dopo quello – con virtuosi risultati – di capo azienda.

Idem a Milanello dove la partenza della M2 Maldini-Massara non è stata di fatto rimpiazzata tanto che il ruolo scoperto ha convinto Gerry Cardinale a richiamare Ibrahimovic affidandogli l’incarico di consulente Redbird per non compromettere delicati rapporti con Furlani. Identico scenario nella Lazio dove Lotito si è comportato copia e incolla dopo la partenza di Tare (litigio con Sarri): promozione di Fabiani dal settore giovanile. Ai tempi, Josè Mourinho firmò una frase di questo tipo: «chi sa solo di calcio non sa niente di calcio»”.

“STRAGE DEGLI INNOCENTI! PIOLI, ABBI IL CORAGGIO”: L’INVITO DI ORDINE

La conclusione della tesi

“Alla luce di questi tre indizi, si può correggere quella dichiarazione così: «chi pensa di sapere tutto anche di calcio non sa niente di calcio». In alcuni tornanti della stagione, quando qualche rovescio può provocare fibrillazioni se non scosse telluriche dentro lo spogliatoio, la presenza di competenza ed esperienza calcistica può svolgere un ruolo fondamentale. Se Garcia, ad esempio, avesse voluto scambiare opinioni e idee con qualcuno dello staff, a chi poteva rivolgersi?

Lo stesso dicasi per Stefano Pioli. Forse solo Sarri, poco incline all’auto-critica, si sarebbe ben guardato dal chiedere un parere a chicchesia. E allora la conclusione è una sola: non si possono gestire bilanci da centinaia di milioni trascurando questo tipo di risorsa che può persino contribuire a risparmiare stipendi ed evitare errori”.

AMBROSINI: “PIOLI GRAVATO DI RESPONSABILITÀ. ECCO IL MIO LEADER”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate