Milan, quattro sì! Accordi totali con gli obiettivi: come vanno le trattative coi club?

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Quattro obiettivi, quattro ok: i giocatori accettano il Milan, ma gli stati delle trattative con i club sono differenti tra loro

I quattro nomi diventati presto obiettivi del Milan ormai sono chiari: Samuel Chukwueze, Tijjani Reijnders, Christian Pulisic e Yunus Musah. Obiettivi sui quali il Milan è parecchio avanti per quanto riguarda le trattative con i singoli calciatori. Come abbiamo visto negli scorsi giorni, un po’ alla volta sono arrivati tutti gli ok definitivi da parte dei ragazzi verso un trasferimento in rossonero. Quel che manca, specie in alcuni casi, è la trattativa con il loro club di appartenenza. Questa mattina, La Gazzetta dello Sport racconta lo stato dell’arte di tutte e quattro gli obiettivi del Milan, che darebbero ulteriore forza a centrocampo e attacco.

MILAN NEWS – IERI L’ULTIMO GIORNO DI TANTI: TRA PRESTITI E CESSIONI, QUANTI ADDII!

Samuel Chukwueze

“È la rapidità. Il Milan lo cerca per avere dribbling, accelerazione e uno contro uno a destra. Solite modalità di trattativa: prima accordo col giocatore, poi con il club. Il Milan ha parlato tanto – tantissimo – con Sam e i suoi agenti e si è mosso anche Stefano Pioli, che ha chiamato Chukwueze: sì, la volontà reciproca di stare insieme c’è. Il Villarreal guarda perplesso. Per il suo numero 11 vuole almeno 25 milioni più bonus, meglio se 30, senza preoccuparsi del fatto che tra un anno lo perderebbe a zero. Pronostico facile: sarà lunga. Lettura della situazione: non sarà facile, anche perché Daichi Kamada può diventare un fattore. Il Milan ha scelto Loftus-Cheek come primo extra-comunitario e, per il secondo, deve scegliere: Chukwueze è la prima scelta ma con Kamada c’è già stata una sostanziale stretta di mano”.

Tijjani Reijnders

“È la brillantezza. Ha 24 anni ma è diventato titolare all’Az solo negli ultimi dodici mesi. Guardandolo giocare, colpisce perché gioca rapido, va verticale. Pioli pensa di utilizzarlo da centrale in un centrocampo a tre oppure nella coppia davanti alla difesa e Tijjani è d’accordo: ha detto sì a un contratto da 1,7 milioni a stagione, il Milan per lui viene prima di tutto. La partita da giocare è con l’Az, club non semplice. La sensazione è che chiederà tra 25 e 30 milioni, aprendo un braccio di ferro non semplice. L’idea del Milan è prendere Reijnders a 18-20 milioni, trovare un punto d’incontro è possibile ma non così facile. Tijjani e Musah, in ogni caso, possono arrivare insieme”.

Christian Pulisic

“È la pericolosità. Quando è stato bene, è arrivato vicino ai 10 gol stagionali… e una volta è andato oltre. Al Milan un po’ di pericolosità offensiva farebbe un gran bene. Pulisic in rossonero guadagnerebbe circa 4 milioni a stagione e sì, sarebbe felice: fosse per lui, vestirebbe rossonero. Pioli lo vede bene in tutte le zone d’attacco: a destra, al centro da trequartista o a sinistra. Si è scritto tanto del fattore Stati Uniti perché Christian è popolarissimo negli States ed è testimonial Puma, di sicuro la chiave è un altro americano: Todd Boehly, proprietario del Chelsea. Boehly continua a chiedere molto, Furlani e Moncada fanno notare che sarà libero tra un anno e nell’ultima Premier ha giocato solo 8 partite da titolare. Il Milan puntava a prenderlo per 15 milioni e sa che forse dovrà alzare. In ogni caso, l’ottimismo non manca. A oggi, le possibilità che Pulisic cerchi casa a Milano sono buone”.

Yunus Musah

“È la spinta. Quando accelera, cambia passo e si trascina dietro la squadra. Il Milan lo ha individuato come mezzala ideale, sapendo che può giocare anche in un centrocampo a due. Yunus e il club hanno un principio di accordo per un contratto da 2 milioni a stagione ma anche qui l’ostacolo è altrove. Il Valencia non vuole scendere sotto i 25 milioni per il cartellino, il Milan punta a chiudere a meno. Sulla carta, questa è l’operazione più semplice da chiudere perché la distanza non è impossibile, il Milan è convinto, il Valencia è meno rigido di Az o Villarreal”.

ULTIME NOTIZIE – LE PRIME PAGINE DEI QUOTIDIANI SPORTIVI DI OGGI (01/07/2023)

Riuscirà il Milan ad affondare il colpo per i quattro obiettivi individuati sul mercato?

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

obiettivi milan

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate