Milan, due novità nuovo stadio: i tempi dell’Accordo di Programma

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Due novità anche sul fronte nuovo stadio per il Milan a San Donato Milanese, tra l’Accordo di Programma e le parole di Cardinale

Questione nuovo stadio Milan a San Donato Milanese. Siamo nella fase in cui la parte legata al comune è pressoché finita: dopo il secondo consiglio comunale, il comune scriverà a breve alla Regione Lombardia per intavolare l’Accordo di Programma. Accordo di Programma, lo ricordiamo, è il nome dato all’iter che si deve percorrere nei prossimi 15, 18, massimo 24 mesi (obbligo di legge) per andare a chiudere tutta la parte burocratica legata al nuovo stadio del Milan. Il passo arriverà e arriverà probabilmente nella prossima settimana.

La novità sul tema nuovo stadio l’ha data direttamente il n1 del fondo RedBird Gerry Cardinale, sostenendo nell’intervista al FT che il Milan ha la volontà di andare a creare una società che si occuperà di gestire la costruzione dell’impianto. In questo senso, il club è sempre stato abbastanza chiaro tra Cardinale, Furlani e Scaroni: anche lasciando delle porte più o meno aperte a San Siro, il corridoio principale da percorrere è sempre stato quello di San Donato Milanese. E lo hanno ripetuto più di una volta. Dobbiamo necessariamente tenere conto delle parole di Gerry Cardinale, proprietario a tutti gli effetti del club.

Ultime news

Notizie correlate