Nuova Champions League, Milan e non solo: gli incassi delle italiane

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Dopo la qualificazione alla nuova Champions League, ecco un focus sulle cifre incassate dal Milan e dagli altri club di Serie A

Nell’edizione odierna della Gazzetta dello Sport si fa il punto sugli incassi ottenuti dal Milan e dalle altre squadre italiane per la qualificazione alla prossima Champions League, dal format rivoluzionato.

Il punto sugli incassi

La quota di partecipazione vale per tutti i club 20,3 milioni di euro, mentre il market pool-ranking storico (somma tra il valore dei contratti tv e i risultati degli ultimi 10 anni) è stimabile in un massimo di 46 milioni. L’Inter e la Juventus incassano dunque 53 milioni, l’Atalanta 50 e il Milan 46. Per il Bologna, al debutto in Champions League in tempi recenti, un premio di appena 27 milioni. Qualora anche la Roma dovesse trovare posto nella massima competizione europea, si piazzerebbe al primo posto in Italia per guadagni (55 milioni) grazie al suo eccellente ranking Uefa. Chi vincerà tutte le partite del girone potrebbe poi incassare 90 milioni, mentre a chi alzerà la coppa dalle grandi orecchie ne verrano destinati oltre 150.

Ultime news

Notizie correlate