Hauge, il non-caso del norvegese, sempre al centro del progetto Milan