Zaccheroni sul Milan: “Giocatori emergenti che mi piacciono tantissimo. Kessie? Peccato perderlo”

0 cuori rossoneri

Ai microfoni di Tuttosport ha parlato Alberto Zaccheroni, ex allenatore di Milan e Inter. Con i rossoneri nella stagione 1998/99 vinse uno scudetto. E proprio sulla corsa scudetto tra le sue ex squadre ha detto la sua: “L’Inter ha più storia guardando al passato dei componenti della rosa. Il Milan è pieno di emergenti che mi piacciono tantissimo. Parlo di Tonali e dei due centrali difensivi. Kalulu e Tomori sono bravissimi, con la palla alta e bassa”.

Leggi QUI – La rivista Undici ha dedicato la copertina a Sandro Tonali

Zaccheroni considera la perdita di Franck Kessie molto importante: “Kessie che è eccezionale: qualità e quantità. È un vero peccato perderlo a fine stagione. Non sarà facile sostituirlo. L’ho visto debuttare a Cesena da difensore centrale in Serie B. Dopo cinque minuti, mi giro verso il presidente Lugaresi: – Ma che fenomeno è questo giocatore? -, gli ho detto stupefatto della sua forza. Non c’è un avversario al mondo che lo butta giù. Se va giù è perché lo decide lui. Ed è un altro leader seguito dallo spogliatoio, come Perisic”.

In conclusione il suo elogio a Rafael Leao: “Leao è un’ira di Dio. Pioli lo fa giocare a piede invertito, quindi si accentra e tira. Talvolta mi sembra che il Milan potrebbe cercare maggiormente l’ampiezza perché, oltre agli esterni offensivi Leao e Messias, si accentrano anche i terzini Hernandez e Calabria”. 

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live