“Ecco perché Origi è perfetto per il gioco di Pioli”: l’analisi del giornalista

1 cuore rossonero

In un focus sulle colonne della Gazzetta dello Sport, il giornalista Marco Fallisi ha spiegato il motivo per il quale Divock Origi è perfetto per il gioco del Milan di Pioli.

“Nei giorni di lavoro a Milanello ha sfoggiato un bagaglio tecnico notevole: Pioli ha tra le mani un attaccante completo e perfettamente compatibile con i suoi principi di gioco, l’uomo in più che permetterà a Ibra di rientrare senza affanni e a Giroud di rifiatare più spesso di quanto non sia accaduto nella stagione scorsa. Di fronte a un’annata ricca di impegni e spezzata dal Mondiale in inverno, alternare uomini ed energie a disposizione può fare la differenza.”

LEGGI QUI ANCHE   -REDBIRD, SI AVVICINA IL CLOSING: LE ULTIME SULLA SITUAZIONE SOCIETARIA DEL MILAN-

“Il debutto di Divock, nei minuti finali del 4-2 all’Udinese, si è materializzato sulle zolle mancine dell’attacco, occupate spesso anche al Liverpool sotto la guida di Klopp, ma la mossa di Pioli non deve ingannare: per il tecnico rossonero il belga è prima di tutto un centravanti ed è in quel ruolo che lo vedremo prevalentemente inazione con la maglia del Milan. Soprattutto per due motivi: primo, a sinistra la concorrenza è persino più accesa che al centro dell’area (Leao è il titolarissimo della fascia e Rebic un ottimo vice); secondo, Origi interpreta la missione della prima punta in maniera diversa dagli altri numeri 9: meno regista d’area di Giroud ma più fluido e incline agli scambi posizionali con i compagni di reparto, meno dominante di Ibra in area ma rognosissimo da affrontare per chi lo marca.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

photocredits: acmilan.com

Dalla categoria News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live