L’Equipe – Giroud si racconta: Milan e Francia, obiettivi e ambizioni

0 cuori rossoneri

Olivier Giroud, leader indiscusso di questo Milan, scenderà in campo questa sera allo Stamford Bridge, in quello che fu il suo ex stadio con la maglia del Chelsea. L’attaccante rossonero vive un momento importante della sua carriera. Nè trae beneficio il suo Milan grazie ai suoi 5 gol in 10 partite ufficiali e la Francia a poco più di un mese dall’inizio del Mondiale in Qatar.

Oggi è stato intervistato da L’Equipe dove, prima di parlare del suo momento con il Milan, le sue ambizioni e il prossimo Mondiale, ha fatto un tuffo nel suo passato blues:

“Ricordo un periodo con Frank Lampard. Era difficile. Non ho giocato molto. Ero molto vicino all’Inter a gennaio 2020 ma alla fine sono rimasto e lui ha deciso di farmi giocare. Ho fatto otto gol nelle ultime dieci partite di campionato. Ricordo il primo di questa serie. Fu contro il Tottenham. Apro le marcature con un tiro al volo che si incastra tra il palo e Hugo Lloris. Lampard mi fa rivivere e prendiamo il 4° posto che è la qualificazione alla Champions League, che poi abbiamo vinto”.

Leggi QUI – Leo contro il suo futuro? La stampa italiana ha le idee chiare

La sua stagione al Milan: “L’ho sempre detto, finché avrò le capacità fisiche, finché il mio corpo me lo consentirà, cercherò di raggiungere il livello più alto. Nella mia testa ho sempre questa grande motivazione. Due anni fa ho detto altri due anni ma ora sto ancora molto bene. Sono ancora lì. Andrò a scadenza a fine anno. Vedremo. Ma non mi fisso dei limiti”.

L’ottimo inizio di stagione: “Sono tornato dalle vacanze in ottima forma dopo aver ricaricato le batterie. Il nostro finale di stagione è stato difficile nella lotta con l’Inter per lo scudetto. L’abbiamo cercato e l’abbiamo raggiunto. Dopo il titolo questa stagione sarà difficile perché dovremo confermarci. Abbiamo iniziato bene in campionato. Ho anche iniziato bene con quattro gol, più un assist, in otto partite di Serie A e un altro in Champions”.

Giroud e la Nazionale. La delusione per non essere stato convocato a giugno scorso: “Potrebbe essere stata una benedizione sotto mentite spoglie. Come ho detto, stavo uscendo da un finale difficile con il Milan per lo Scudetto. Ho compensato questa frustrazione di non essere stato chiamato al Blues con un lungo periodo di riposo e molto tempo con la mia famiglia. Con l’esperienza sapevo che il periodo che ci aspettava, con partite ogni tre giorni tra Serie A e Champions League, sarebbe stato complicato”.

Quante possibilità di partire con la Francia per il Mondiale: “Non ho una percentuale da dare. Ho dimostrato ciò che doveva essere dimostrato. Ho fatto del mio meglio per essere lì. Ora penso al Milan”.

Ormai Giroud è il leader indiscusso del Milan: “Mi sento come un anziano che può ancora contribuire. Spero anche di essere un fratello maggiore che vuole sempre trasmettere e condividere la sua esperienza con i più piccoli. È quello che faccio anche al Milan”.

Segui la nostra pagina Facebook per sapere tutto quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Photocredits: acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live