Milan Fiorentina Rebic Terracciano

Milan-Fiorentina, il quotidiano attacca: “Pessimo Sozza, 4!”

0 cuori rossoneri

Non sono mancate le polemiche ieri a San Siro dopo la vittoria in extremis del Milan sulla Fiorentina di Vincenzo Italiano: l’arbitro Simone Sozza, alla prima in Serie A con i rossoneri, ha dovuto gestire tre episodi al limite.

La Gazzetta dello Sport valuta con un 6 la prestazione di Simone Sozza: “Tre gli episodi cruciali, tutti al limite, in cui il Var Fabbri non interviene, lasciando la decisione presa da Sozza sul campo. Nel primo tempo (34’) lente d’ingrandimento in area rossonera per un contrasto Kalulu-Biraghi: il francese colpisce prima il pallone e sullo slancio la gamba sinistra del viola: l’arbitro lascia correre perché trattasi di naturale dinamica di gioco. Ancora alto rischio rigore al 14’ della ripresa, quando Tomori in scivolata travolge Ikoné: la discriminante non è che alla fine l’inglese riesca a toccare il pallone ma che l’attaccante sembra allargare la gamba sinistra per propiziare l’impatto. Sul gol del 2-1 al 92’, doppia protesta: è Terracciano in uscita a sbattere su Rebic che ha lo sguardo rivolto al pallone; poco prima c’è un contrasto dubbio fra Duncan e Rebic che Sozza, molto vicino, non giudica punibile”.

LEGGI QUI ANCHE   -“MILAN, TRE INDIZI FANNO UNA PROVA”: L’ANALISI DEL GIORNALISTA-

Il Corriere dello Sport è su un’altra linea di pensiero, visto il 4 dato a Sozza: “Pesantemente insuciente l’ultima di Sozza in A prima di diventare internazionale (gennaio 2023): manca un rigore alla Viola, la rete del 2-1 viziata da un fallo chiaro su Terracciano (braccio sinistro di Rebic sulle braccia del portiere). Male anche il VAR. Bravo, va riconosciuto, Sozza sul contatto Kalulu-Biraghi: prima il pallone. Intervento in salto (primo elemento), in scivolata, di Tomori su Ikoné: c’è un contatto evidente fra la gamba destra del rossonero e la coscia sinistra del viola, basterebbe quello, in più entrambi vanno sul pallone, l’ultimo tocco è di Ikoné col pallone che resta nella disponibilità. Era OFR e rigore. Braccio sinistro di Rebic che ostacola le braccia di Terracciano protese in uscita (sarebbe arrivato sul pallone), poi lo travolge: fallo netto, anche qui incredibile, mancato intervento del VAR (Fabbri 4)”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Milan Fiorentina Rebic Terracciano
Photocredits: acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live

EnglishGermanItalianSpanish