Lecce-Monza, è caos VAR: che polemica! La ricostruzione degli episodi

0 cuori rossoneri

Arriviamo da una serata abbastanza travagliata per quel che riguarda il VAR e l’arbitraggio in generale, dopo le dubbie decisioni in Sampdoria-Milan. La polemica si era scatenata nell’immediato post-partita. Pubblicamente, però, soprattutto dal lato blucerchiato.

Infatti, Marco Giampaolo ha a lungo protestato durante e poi al termine della sfida vinta dai rossoneri, portandosi con sé tutte le discussioni che si sono sviluppate nella giornata odierna. Una domenica di Serie A che ha visto protagoniste altre quattro gare pomeridiane. Sotto i riflettori di addetti ai lavori ed esperti moviolisti, però, una in particolare: Lecce-Monza. Il match delle 15 ha collezionato due episodi da moviola, entrambi che fanno riferimento ad un possibile calcio di rigore per fallo di mano.

LEGGI QUI LE PAROLE DI BEHRAMI SULLA CULTURA DEL MILAN

Al 72′ i pugliesi, sul lato sinistro offensivo, si preparano a calciare una punizione con Gallo. Il pallone viene crossato in area di rigore, lì dove Colombo e Mota Carvalho cercano di colpirlo di testa. Il primo tocco è quello del tesserato del Milan, che “spizza” con la nuca cambiando leggermente la traiettoria del cross. Dietro ai due contendenti si trova Molina, il quale prova a controllare la sfera con il petto, ma ne calcola male la traiettoria e la colpisce con un braccio piuttosto largo rispetto al resto del corpo. L’arbitro, Luca Pairetto, fa cenno che non è successo nulla e lascia proseguire il gioco. Alla prima interruzione, ribadisce nuovamente che non la regolarità dell’azione e fa riprendere il gioco dopo il cooling break. Tutto lascia intendere che si poteva aprire una On Field Review con il VAR (affidato a Di Martino), che effettivamente non c’è mai stata. 

Come detto, però, abbiamo da occuparci anche di un secondo episodio nella stessa partita, quello sviluppatosi tra Colombo e Pablo Marì. Ancora una volta parliamo di un presunto fallo di mano. Al minuto 92, su un calcio d’angolo battuto dal Lecce i due contendono il pallone, che viene deviato prima dalla coscia dello spagnolo e poi sul braccio dello stesso giocatore, anche qui molto largo rispetto al tronco del corpo. Come venti minuti prima, Pairetto non interviene e il VAR non opta per l’On Field Review. Il gioco riprende, appunto, senza nessuna correzione della squadra arbitrale in sala.

È chiaro che ci troviamo di fronte a due casi molto al limite della regolarità, che certamente possono sfuggire al direttore di gara, ma che difficilmente trovano spiegazione nel mancato intervento del Video Assistant Referee. I tanti episodi dubbi della sesta giornata di Serie A porteranno ad un’uscita pubblica da parte del mondo arbitrale?

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live