Fifa: “Da Russia e Ucraina stranieri svincolati”

0 cuori rossoneri

Importante decisione da parte della Fifa sui giocatori e sugli allenatori stranieri che militano in squadre russe e ucraine.

I calciatori e gli allenatori stranieri impiegati nei campionati russo e ucraino vedranno i loro contratti “sospesi” fino alla fine della stagione e potranno impegnarsi liberamente altrove in primavera, ha annunciato la Fifa con un comunicato diffuso nella serata di lunedì. L’obiettivo è “facilitare la partenza” di tutti coloro che non hanno trovato un accordo con i propri club, spiega l’organismo mondiale. Avranno quindi “diritto di sospendere unilateralmente il contratto di lavoro” fino al 30 giugno 2022, e potranno impegnarsi in un altro campionato “al più tardi il 7 aprile”, anche fuori dai periodi di trasferimento. I giocatori stranieri e gli allenatori in Ucraina beneficeranno della stessa disposizione, per consentire loro di “lavorare e percepire uno stipendio” mentre “tutelano i club ucraini” fermati dagli scontri. Infine, i giocatori minori in fuga dall’Ucraina saranno trattati dalla Fifa come minori rifugiati, accedendo così al mercato internazionale normalmente chiuso ai minori di 18 anni.

Una decisione forte della Fifa per ribadire la sua condanna all’uso della forza da parte della Russia in Ucraina e chiedendo una pronta cessazione delle ostilità.

LEGGI QUI Bergomi: “Il Milan può approfittare di Juventus-Inter”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Dalla categoria News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live