Cambia la situazione stadio? Ecco cosa filtra e le ipotesi

0 cuori rossoneri

News – Sta facendo molto discutere l’indiscrezione sulla possibile cessione del Milan. In molti si chiedono cosa ne sarà del progetto della “Cattedrale”.

Ha preso un po’ tutti alla sprovvista la notizia trapelata ieri dell‘imminente cessione del club rossonero, che passerebbe dal fondo Elliott al fondo Investcorp. Se la società dovesse passare ad un altro proprietario nei prossimi mesi, la certezza che si ha è che sicuramente alloggerà a San Siro anche nella prossima stagione.

Come scrive La Gazzetta dello Sport, parlando del progetto nuovo stadio, giovedì il Comune di Milano aveva lanciato il bando per la ricerca del coordinatore del dibattito pubblico. Il quale, di fatto, darebbe il via alla road-map che dovrà condurre al via libera dell’inizio dei lavori. Il progetto sul tavolo c’è già, la Cattedrale disegnata dagli americani di Populous, che lo scorso dicembre hanno vinto il testa a testa con gli Anelli di Manica-Sportium. Ci sono, inoltre, anche le somme che l’iniziativa genererebbe. L’investimento complessivo di circa un miliardo di euro da suddividere tra i due club porterebbe Inter e Milan a guadagnare potenzialmente almeno 80 milioni all’anno ciascuno.

Leggi QUI “Chi è Mohammed Bin Mahfoodh Al Ardhi, presidente di Investcorp”

In casa rossonera, l’argomento stadio non genera agitazione: da quanto filtra il progetto non dovrebbe subire rallentamenti. Anche perché, fin da quando i club hanno presentato il progetto per il nuovo San Siro (estate 2019), la determinazione del Milan ha funzionato spesso da motore nel percorso fatto a braccetto con l’Inter.

Per quel che riguarda l’eventuale cessione, per il quotidiano sarebbe impensabile che chi succedesse al fondo della famiglia Singer volesse accantonare il progetto. La variabile da prendere in considerazione, al massimo, è la posizione dei nuovi proprietari rispetto alle coordinate del progetto attuale. E se volessero costruirsi uno stadio tutto loro, senza coinvolgere l’Inter? Ovviamente, siamo nel campo delle ipotesi. Fino a quando il Milan non passerà di mano, questo resta uno scenario impossibile da prevedere. Dalla parte dei nerazzurri, il progetto stadio resta in piedi comunque e alle condizioni attuali.

E questo a prescindere dall’interlocutore che ci sarà di fronte, che si tratti di Elliott o di Investcorp. Il sindaco di Milano Beppe Sala, per adesso resta sullo sfondo. Tornano alla mente, però, le sue parole di un anno fa, quando al centro della scena era finita l’Inter. Così avvertì, riferendosi alle voci sulla possibile cessione del club di Zhang: Io non posso affidare un quartiere per un così lungo periodo a realtà di cui non è certa la proprietà futura. E parlo con rispetto di Zhang. Devono però necessariamente chiarire il futuro della società, fino ad allora credo che sia logico fermarsi”.

Un’ulteriore ipotesi, dunque, è che dalla metropoli milanese si scelga di aspettare ancora per capire quanto tempo ci vorrà perché il club rossonero cambi proprietà.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Dalla categoria News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live