Sacchi: “Milan, ti sei penalizzato! Col Newcastle due spiriti”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Sacchi sprona il Milan prima dell’ultima trasferta a Newcastle: cosa serve per vincere e provare a passare il turno?

Intervenuto anche oggi sulle colonne de La Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi è tornato a parlare di Milan in vista dell’appuntamento con il Newcastle di questa sera, lì dove i rossoneri si giocano tanto, tantissimo del proprio futuro. Come la squadra di Stefano Pioli, anche la Lazio Inter, Lazio e Napoli in questa settimana hanno deciso e (nel caso dei biancocelesti) devono decidere cosa fare nel prossimo febbraio. L’ex tecnico ha parlato delle 4 italiane e dei loro percorsi europei.

SACCHI: “MILAN, FIDUCIA SÌ, ILLUSIONI NO! A NEWCASTLE…”

Inter e Napoli

L’Italia può ritenersi soddisfatta, perlomeno dal punto di vista dei risultati?

«Direi proprio di sì. Tre sono agli ottavi e questo è un gran bel traguardo. Una lotterà per arrivarci, e speriamo che ce la faccia anche se non sarà semplice. Però ci sono ancora parecchie cose da migliorare e dunque guai a fermarsi».

A che cosa si riferisce?

«Non guardo soltanto i risultati, ma il gioco. Ecco, per quanto riguardo il gioco, si possono, e si devono, fare dei passi in avanti. Non possiamo sempre puntare soltanto sul contropiede e sulle difese eroiche. Servono altre soluzioni».

Si riferisce in particolare all’Inter che non è riuscita a battere a San Siro la Real Sociedad?

«I nerazzurri hanno lasciato il pallone agli avversari per quasi tutta la partita e questo è un errore da non commettere. È vero che gli spagnoli non sono quasi mai stati pericolosi, ma hanno avuto la possibilità di gestire il ritmo della partita. La Real Sociedad ha ottimi palleggiatori, al 36’ del primo tempo gli spagnoli avevano l’80 per cento del possesso. L’Inter non ha mai fatto pressing. Questo è un aspetto su cui lavorare».

Anche il Napoli ha centrato la qualificazione.

«Si cominciano a vedere alcune trame che ci ricordavamo dalla passata stagione, ma servirà ancora un po’ di tempo. In ogni caso penso che il Napoli possa dire la sua in Champions. Ha giocatori di alto profilo. Mazzarri, ne sono convinto, cercherà di ridare entusiasmo e idee a tutto il gruppo, e il compito dei suoi ragazzi sarà quello di seguirlo. Se giocavano benissimo un anno fa, altrettanto possono fare adesso».

NEWCASTLE-MILAN, PULISIC: “MI SENTO PRONTO, ECCO COSA CI ASPETTIAMO”

Lazio e Milan

Questa sera la Lazio cerca il primo posto nel girone in casa dell’Atletico Madrid. Dura, vero?

«Durissima. Però va detto che Sarri ha fatto una specie di miracolo. Portare la Lazio agli ottavi con un turno di anticipo è un grandissimo risultato, considerando che, oltre all’Atletico che ha grandissima esperienza, nel girone c’era una squadra pericolosissima come il Feyenoord».

E poi c’è il Milan. A Newcastle sarà la partita della vita.

«Dal Milan mi aspetto che torni a essere una squadra, che giochi come un collettivo, che mostri un elevato spirito di sacrificio. Sarebbe un notevole risultato, dopo che in questa prima parte di stagione i rossoneri hanno mostrato una discontinuità che li ha spesso penalizzati».

NEWCASTLE-MILAN, HOWE: “SIAMO AFFAMATI, TONALI CI HA DATO UNA DRITTA”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate