Nelson Dida: “Conta l’intensità più delle belle parate”