Sacchi sulla disfatta azzurra: “La crisi inizia nei club”

Dopo l’Europeo vinto la scorsa estate, sembrava che il calcio italiano fosse uscito dall’incubo dell’esclusione al mondiale 2018. Eppure ieri sera Aleksandar Trajkovski ci rigettati in quell’incubo sportivo. Per la seconda edizione consecutiva l’Italia non parteciperà ad un mondiale di Calcio. A commento della serata di ieri e del problema del calcio italiano, ha parlato alla Gazzetta dello Sport l’ex tecnico del Milan e dell’Italia, Arrigo Sacchi: “Prima era colpa di Ventura, ora sarà di Mancini: così non si va avanti. Gravina è competente, non deve farsi prendere dall’emozione”.

Leggi QUI – Pioli in Nazionale? il retroscena

Sacchi ha ben chiaro il problema del calcio italiano che non è una questioni di uomini da alternare in panchina: “Continuiamo a comprare stranieri e anche i settori giovanili sono pieni di ragazzi che vengono dall’estero: siamo sicuri che questa sia la strada giusta? O piuttosto è il problema?”. E poi ancora: “L’Europeo ha rappresentato un’eccezione, ma la nostra crisi è iniziata nei club dopo il 2010”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan