Napoli-Milan, Pioli: “Altre duecento partite? Vediamo a maggio…”

I più letti

Andrea Roderi
Studente universitario, appassionato di radio, podcast e Milan. Aspirante giornalista professionista.

La conferenza stampa prima di Napoli-Milan di Mister Pioli, dopo aver ricevuto il premio per le duecento partite in rossonero. Gli infortunati, il problema del gol, l’uno contro uno in difesa.

NAPOLI-MILAN, GARCIA: “ANGUISSA C’E’, PIOLI? UNA STORIA VECCHIA”

Il calcio non è mai definitivo, appartiene ai momenti. piccoli o brevi che siano. Naturalmente i momenti si fa preso a cambiarli dal bene verso il male e viceversa. Dopo le duecento panchine, la squadra ha la forza per cambiarlo questo periodo?

Il momento deve cambiare, arriviamo per la prima volta in stagione da due sconfitte consecutive. domani abbiamo uno scontro diretto. Serve una squadra attenta e determinata per novanta minuti, è quello che vogliamo fare.

Il Napoli è sempre stato un manifesto. E’ la chance domani in Napoli-Milan?

Penso che la prossima partita sia sempre la tua chance, anche nella vita quotidiana. Quello che è successo ieri appartiene al passato, la prossima partita è sempre la più importante. queste due partite non son andate come volvevamo, domani è l’occasione per dimostrare di poter essere una squadra migliore e portarci a casa un risultato positivo

Qual è l’umore della squadra in vista di Napoli-Milan?

Sono stati giorni di lavoro come sempre per alzare il livello delle prestazioni  dopo le difficoltà delle ultime partita. Sono stati giorni di lavoro per migliorare.

NAPOLI – MILAN, DI STEFANO: “3 ASSENTI SICURI, UNO IN DUBBIO. LOFTUS – CHEEK…”

Si è parlato tantissimo degli uno contro uno e della difesa, qual è la soluzione nell’immediato?

Abbiamo un nostro modo di giocare che dobbiamo portar avanti, dobbiamo migliorare molto ma non cambieremo il nostro modo di giocare.

Nel finale la dirigenza ha detto: speriamo di festeggiare a maggio. Come ha preso questo obiettivo dichiarato?

La proprietà è ambiziosa e ha strutturato la squadra per pensare in grande. Chiaramente è l’obiettivo e non siamo i soli ad averlo.

Si è detto e scritto di un Milan tornato da Parigi con un po’ di nervi tesi. Vero o falso?

Nervi tesi giusti, si torna sempre da una sconfitta non felici e sorridenti. ci siamo confrontati ed è tutto chiarito. Mi sono state riportati in sala stampa degli elementi non veri che hanno creato confusione.

Chi non ci crede resti a casa ha detto Davide Calabria…

Sei proprio tu ad aver riportato la notizia in modo sbagliato, dal momento che Davide si riferiva all’ambiente. Noi ci crediamo e lavoriamo fino alla fine.

NAPOLI-MILAN, CAMBIO FORZATO IN DIFESA. DUE DUBBI A CENTROCAMPO

Come stai lavorando sul problema del gol? Come stanno gli infortunati in vista di Milan-Napoli?

Ci stiamo lavorando perché è il nostro problema recentemente, ci stanno mancando l’ultimo passaggio e la conclusione. Jovic e Okafor sono convocati e a disposizione.

Volevo chiederti a proposito di Garcia, tra di voi in un derby di Roma non era andata molto bene…

Ho appena detto di non pensare a ieri e tu vai indietro di anni. Garcia è un ottimo allenatore che allena un’ottima squadra, ha avuto qualche difficoltà ma ora ha una squadra che gioca bene e che crea molte occasioni. Anche senza Oshimen il Napoli ottiene grandi risultati e ha perso solo contro di noi. Kvara è un giocatore che nell’1vs1 può farti male e dovremo fare grande attenzione.

Tornando al problema del gol, anche il centrocampo segna poco. Si riempie male l’area? C’è un centrocampista che ha in canna qualche gol in più (magari proprio in Napoli-Milan)?

Dobbiamo riempire meglio l’area, stiamo crossando di più rispetto all’anno scorso. Io credo che Tijjani abbia le caratteristiche per fare meglio l’ultimo passaggio e le conclusioni, visto che ha sempre fatto gol. Ho riguardato bene la partita del PSG, abbiamo recuperato molte palle nel primo tempo ma ci è mancato l’ultimo passaggio. Dobbiamo avere maggiore qualità e un atteggiamento diverso.

NAPOLI-MILAN, DOVE VEDERLA IN TV: SKY O DAZN?

Quanto sta mancando Loftus, come sta? Non sarà a disposizione in Napoli-Milan.

Loftus è un giocatore importante anche dal punto di vista qualitativo. Possiamo comunque essere pericolosi anche senza di lui. è guarito dal problema ma ha ancora un’infiammazione, gli manca l’ultimo step per tornare in squadra. Ci sono buone possibilità per averlo nella prossima partita. Dal punto di vista psicologico: ha avuto tanti infortuni e quindi va un po’ guidato  e sostenuto. era partito benissimo e adesso va sostenuto.

Il Milan è una squadra aggressiva. Dal punto di vista difensivo ci sono due analogie tra il derby e la Juventus e il Psg. Tomori si fa risucchiare a centrocampo, lasciando scoperta la fascia. Dal quel punto di vista ci sono delle viti che devi stringere e degli interventi da tecnici da fare in allenamento in questi giorni?

Essere aggressivi non vuol dire essere scoperti all’uno contro uno. Dobbiamo leggere meglio quando la palla è scoperta, quando è coperta dobbiamo essere più riflessivi. Non deve cambiare l’atteggiamento mentale della squadra.

La sua squadra ha tanti giocatori importanti, qualcuno di più. Parlando di Theo, a differenza degli anni scorsi ha procurato meno cartellini gialli. Secondo lei è in calo rispetto alla sua migliore stagione?

Secondo me stiamo sviluppato la fase offensiva in modo diverso, ci sta che sia qualche volta un po’ meno prorompente sulla fascia. Dobbiamo alzare il livello tutti, anche se ho la netta sensazione che un anno fa, contro il Chelsea, c’erano più categorie di differenza rispetto a mercoledì. Mancano dei passettini in avanti, per raggiungere quel livello Theo può sicuramente aiutarci.

Ci può spiegare le differenze tra Spalletti e Garcia. Cosa cambia contro Simeone e Raspadori?

In attacco ha cambiato molto poco rispetto al modulo di Spalletti. Con la palla prediligono il fraseggio, è difficile vedere differenze con l’anno scorso, è una squadra che affonda velocemente con esterni che sanno fare l’uno contro uno. Raspadori può fare da raccordo al gioco, Simeone lo conosco bene perché l’ho allenato e sa attaccare la profondità.

Si è creato un dualismo tra Krunic e Adli. Sono due modi di vedere la partita?

Stanno occupando la stessa posizione, non li vedo giocare insieme. Le mezzali ce le abbiamo e quindi non serve farli giocare insieme. Hanno caratteristiche diverse ma sono contento delle loro prestazioni nel loro ruolo.

Potrebbe pensare di ritornare al 4-2-3-1 in Napoli-Milan o non è una squadra adatta?

In fase difensiva siamo spesso in quel modulo, e lo saremo anche domani. In possesso di palla prendiamo posizioni diverse, saranno le prestazioni a portarci a capire dove limare le cose, a capire dove si può alzare il livello, saremo pronti a qualsiasi evenienza quando me ne accorgerò.

Seconda domanda: secondo qualcuno Pioli pecca di hybris, di presunzione. Il tema: presunzione o coraggio?

Io sono convinto di quello che faccio, cerco di farlo. Mi aggiorno e conosco i miei giocatori e cerco nelle mie convinzioni di convincere i miei giocatori. Quando divento credibile i miei giocatori si convincono. Non credo id essere presuntuoso ma non è il mio obiettivo, cerco di mettere in campo la migliore squadra possibile con le idee chiare.

In Champions facciamo fatica a fare gol, in Serie A quasi sempre…

In Champions è evidente che ci siano da migliorare tante situazioni, sebbene il girone sia molto molto difficile. Dobbiamo raggiungere un livello alto per la prossima gara determinante. Sappiamo che dobbiamo migliorare e vedo una squadra volenterosa per raggiungere il livello superiore.

I Napoli-Milan degli ultimi anni sono stati ben giocati con superiorità a centrocampo. Domani è possibile?

Abbiamo sempre giocato con tre centrocampisti e tre attaccanti, e anche domani lo faremo. Se vinceremo diranno che abbiamo fatto bene, se perderemo diranno che abbiamo fatto tutto sbagliato. Dobbiamo approcciarla bene e portarla avanti con convinzione.

Un augurio: che possa ricevere un altro premio tra 3/4 gare…

Vorrebbe dire che a maggio festeggiamo.

LOBOTKA COME LEAO, NAPOLI E MILAN IN DIFFICOLTÀ: ANCORA SACCHI

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

napoli-milan

Ultime news

Notizie correlate