Napoli-Milan: le chiavi della partita

I più letti

Piero Mantegazza
Nato il 21-11-2000. Laureando in Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo all'Università Cattolica del sacro cuore di Milano. Redattore di Radio Rossonera, innamorato del Milan e dello sport in generale.

Stasera si affrontano Napoli e Milan, per i rossoneri è fondamentale per la lotta Champions: le chiavi della gara. 

CONTROLLO AEREO
Da un lato troviamo una formazione che fa del gioco aereo la propria qualità principale – 15 i gol realizzati fin qui di testa in campionato dal Napoli -, dall’altro chi predilige altre vie per trovare la rete. Gli azzurri di Spalletti hanno in questo fondamentale uno dei maggiori punti di forza, che corrisponde a sua volta ad una delle principali preoccupazioni per la difesa di Mister Pioli, che fin qui ha concesso sulle situazioni aeree. Sfruttare la forza di Olivier Giroud sarà determinante, ma tutto partirà dal non concedere spazio sugli esterni in fase difensiva e allo stesso tempo trarre il massimo dai calci piazzati. Supportati dalle ali, i due terzini avranno il compito di non lasciar respirare gli esterni avversari, che – come i due rossoneri – hanno caratteristiche differenti. Se, sul lato sinistro, Leão e Kvaratskhelia tendono ad accentrarsi per cercare la conclusione diretta, Saelemaekers (probabilmente giocherà Diaz) e Lozano cercano spesso il fondo lungo la corsia di destra per pescare il rispettivo riferimento a centro area. Colpire il Napoli con la loro arma migliore in fase offensiva potrebbe, inoltre, dare una svolta alla gara e togliere certezze alla retroguardia partenopea.

ULTIME NOTIZIE MILAN – PADOVAN: “CHE FORTUNA PER IL NAPOLI PESCARE IL MILAN, NON MI ASPETTO SORPRESE”

PAZIENZA ED ESPERIENZA
L’andamento del match potrebbe discostarsi di netto da quello osservato nell’andata di San Siro, dove i rossoneri hanno condotto per larghi tratti e messo alle corde il Napoli, venendo meno solamente nella fase realizzativa. Spinti dal proprio pubblico, gli azzurri potrebbero approcciare con energia e vigore, mettendo a dura prova la resistenza milanista in avvio. I punti in palio sono importanti e iniziano a pesare, sia per il morale che per questioni di classifica, ma, a differenza di un doppio confronto basato su 180 minuti, ‘basterà’ un vantaggio minimo per assicurarseli. La gestione dei momenti sarà dunque rilevante, e l’esperienza dei rossoneri più navigati dovrà risaltare per trascinare la squadra nelle situazioni di difficoltà. Sbloccare il punteggio non sarà sicuramente un compito agevole, i partenopei vantano ben 14 clean sheet in Serie A, e per questo motivo occorrerà attendere gli attimi giusti per pungere. Vietato farsi prendere dalla foga e rischiare di scoprirsi alle folate avversarie, come accaduto nella gara d’andata quando il Napoli ha sfruttato l’eccessiva voglia di ottenere i tre punti da parte dei rossoneri per beffarli con le uniche chance a propria disposizione. Pazienza e gestione, questa un’altra chiave, specialmente considerando che il Milan ha già segnato 11 reti nell’ultimo quarto d’ora di gioco.

DUELLI A CENTROCAMPO
I due allenatori studieranno nei minimi dettagli le mosse per prevalere e ottenere il controllo del centrocampo, zona nevralgica del terreno di gioco. Gli uomini di riferimento dovrebbero essere i titolarissimi da entrambe le parti, mentre i moduli si maschereranno tra il 4-3-3 e il 4-2-3-1, senza considerare le varianti tra le diverse fasi di gioco. Se Bennacer – per caratteristiche – si avvicina maggiormente a Lobotka, toccherà a Sandro Tonali il confronto fisico e tecnico con Zambo Anguissa, prima, e Ndombele poi. L’algerino dovrà essere abile a cercare gli spazi e liberarsi dalla pressione di Zieliński – che è solito abbassarsi in fase di ripiego – per impostare, e conseguentemente comandare, il ritmo della gara con la solita leadership, con l’obiettivo di allentare l’aggressione azzurra e innescare i movimenti dei compagni con efficacia. A Díaz e Krunić – il compito invece di supportare il duo di metà campo e limitare gli inserimenti tra le linee dei mediani azzurri, creando allo stesso tempo superiorità numerica in costruzione e far valere la propria presenza all’interno dell’area di rigore. Vincere ogni singolo duello sposterà gli equilibri.

FONTE: acmilan.com

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

photocredit: acmilan.com

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate