“Milan e Napoli, non staccatevi!”: Criscitiello lancia l’appello

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Si delinea l’alta classifica di Serie A dopo Inter-Roma e Napoli-Milan: sarà duello o corsa a quattro?

Termina con un 2-2 il posticipo della 10ª giornata di Serie A al Maradona, lì dove Napoli e Milan si sono dati battaglia fino all’ultimo realizzando due reti per tempo. Poche ore prima del match, a San Siro si giocava quella definita come “partita di Lukaku” tra la sua ex squadra, l’Inter, e la Roma. La vittoria dei nerazzurri li riporta in cima alla classifica, mentre la Juventus (che ha superato 1-0 l’Hellas Verona) segue in seconda fila. Nel suo editoriale per Sportitalia, il direttore Michele Criscitiello lancia un appello a Milan e Napoli.

NAPOLI-MILAN, CAPUANO SU ORSATO-LEAO: “COSA HA VISTO?!”

Così aumenta lo spettacolo

“Inter e Juventus sono destinate ad arrivare fino in fondo. In modi diversi ma la sostanza non cambia. Allegri ha un solo obiettivo e sbaglia a nascondersi. Questa squadra può arrivare fino in fondo e anche senza nomi ha la stoffa buona. Giocare una volta a settimana, lo ribadiamo, è un vantaggio non da poco. La Juve vista con il Verona ha dominato in lungo e largo, una sola squadra in campo e partita decisa nel finale solo perché abbiamo deciso di annullare i gol per fuorigioco se l’unghia di un piede è più avanti. Nessuna critica agli arbitri ma al regolamento. Va cambiato.

Allegri, poco alla volta, sta trovando la quadra e come ripetiamo da inizio anno questa Juve ha tutto per poter arrivare allo scudetto. Certamente deve fare i conti con l’Inter in primis che è una squadra forte e nelle individualità ha qualcosa in più della Juve. Sono due squadre che in Italia possono fare la differenza e creare il vuoto. Un testa a testa sarebbe bello per il campionato ma l’augurio è che squadre come Napoli e Milan non si stacchino per aumentare lo spettacolo della nostra serie A”.

“MALESSERE DI SPOGLIATOIO”: REPUBBLICA E IL DESTINO DEL MILAN

Roma bocciata

“La Roma, invece, è davvero poca roba. Squadra messa male in campo e senza un briciolo di mordente. Le assenze non possono essere una giustificazione per una società che ogni estate spende tanti soldi e raccoglie tante figurine. Mourinho è il vero colpevole. Questa squadra potrà non vincere lo scudetto ma quest’anno è costretta a non fallire l’obiettivo Champions. Sarebbe il terzo flop di fila. Mourinho continua a non spiegare ma a rinviare. Le sue conferenze sono bellissime ma da quando è tornato in Italia non ha fatto vedere calcio e, sinceramente, siamo stanchi anche di dover dire sempre ‘vabbè ma ha vinto la Conference League’.

Due competizioni, compresa l’Europa League, inutili e noiose. Strutturate malissimo e infinite. Ci ricordiamo di queste coppe solo in semifinale e finale per salvare la stagione dei perdenti. La Roma deve arrivare tra le prime 4, stop. Questo è l’obiettivo e se a Mourinho non è chiaro qualcuno dovrà fargli un disegno della classifica. Intanto continua a perdere gli scontri diretti”.

CONDO’: “IL MILAN E LA RABBIA FREDDA DI CHI SI SENTE IN DICUSSIONE”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

criscitiello napoli milan

 

Ultime news

Notizie correlate