Musah: “Gara frustrante, non è bello! Spero in Milan-Juve…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Dopo USA-Germania parla uno sconsolato Musah: a Gazzetta anche uno sguardo su Milan-Juve di domenica prossima

In una settimana che ha tenuto impegnati diversi calciatori del Milan, Yunus Musah e Christian Pulisic avevano il complicato impegno di tenere a bada la forza della Germania, seppur in un’amichevole. Una rivale che ieri schierava dall’inizio in avanti Sané, Wirtz, Musiala e Fullkrug, e che alla fine ha trovato la vittoria per 3-1 nonostante un super gol di Pulisic. Ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, dopo la gara disputata nel Connecticut ha parlato il centrocampista del Milan: di seguito, le brevi ma decise dichiarazioni di Yunus Musah.

MUSAH: “MILAN, CHE VELOCITÀ! IO, LA PAZIENZA E L’IMPATTO PIOLI”

Tra frustrazione e motivazioni

Innanzitutto, la partita com’è andata? Hai giocato 90 minuti, come ti sei sentito?

“Per me è stata una partita frustrante, perché secondo me la Germania ci ha dominato. Non è bello quando succede così”.

Come ti stai trovando al tuo primo anno al Milan? Stai giocando molto bene e anche in ruoli diversi…

“Sì, il mister mi ha dato tanta fiducia. Anche qui ce l’ho. Sono contento al Milan, penso sia un posto dove posso crescere tanto”.

Milan-Juventus sarà una gara con quattro americani (Musah, Pulisic, McKennie e Weah, ndr). Sarà speciale per voi.

“È bellissimo, è bellissimo. Spero di poter essere in campo contro di loro, sarebbe un momento bello”.

DAN PETERSON: “MUSAH E PULISIC, MEA CULPA. COSÌ PORTEREI IL MILAN NEGLI USA”

Com’è andata la sfida per gli “italiani”?

Musah si era già espresso pochi giorni fa sull’importanza di Stefano Pioli nel suo arrivo e nella sua gestione qui al Milan: ha voluto ribadirlo nel post USA-Germania. Una sfida amichevole alla quale non è mancato lo spettacolo. Ad aprire la sfida è stato un super destro di Pulisic, ma è solo un premio di consolazione al fronte delle reti di Gundogan, Fullkrug e Musiala. Impegnati nella sfida lato americano, anche i sopracitati Weston McKennie e Timothy Weah. La partita del 10 rossonero si è chiusa a un quarto d’ora dal termine, così come quella del centrocampista juventino. Musah e Weah, invece, contro i tedeschi hanno presenziato per 65 minuti.

Parlare di probabili formazioni è pressoché impossibile a una settimana di distanza e con ancora una gara da disputare per la maggior parte delle nazionali (gli USA saranno impegnati martedì sera con il Ghana), ma qualche ipotesi si può provare a fare. Per esempio, è facile immaginarsi che, dal momento che Rade Krunic e Ruben Loftus-Cheek rientrano entrambi da un infortunio, in Milan-Juventus Musah possa riuscire a ritagliarsi il suo spazio. Esattamente come spera lui stesso in un pensiero che non nasconde.

Per quel che concerne i bianconeri, invece, le ultime voci raccontano che tutti e due gli statunitensi giocheranno dal primo minuto domenica a San Siro. Eventualmente, vedere tre o quattro americani titolari in un match di cartello della Serie A per il calcio degli States rappresenterebbe un vero e proprio orgoglio.

TUTTI GLI IMPEGNI DEI CONVOCATI DEL MILAN IN QUESTA PAUSA NAZIONALI

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

musah milan usa germania

Ultime news

Notizie correlate