Monza-Milan, la moviola di Cesari: “Doppia fallosità e un capolavoro”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

La lunga e dettagliata moviola di Graziano Cesari per Monza-Milan: il rigore non fischiato a Theo Hernandez, il “capolavoro” su Thiaw e la condotta violenta di Jovic

Tanti gli episodi da analizzare che hanno caratterizzato la pazza partita tra Monza e Milan di ieri sera: lo spazio dato alla moviola è necessario. Specie se a quella di un ex arbitro esperto come Graziano Cesari, che a Pressing sui canali Mediaset ha analizzato le situazioni ed espresso il suo parere sui tre macro episodi. Sotto la lente d’ingrandimento il contatto Carboni-Theo Hernandez, il rigore dato a Mota e il cartellino rosso a Jovic.

MILAN, CONDÒ: “PIOLI, COSÌ È TROPPO. HAI AIUTATO IL MONZA”

Parte dal primo:

“Di Gregorio esce e respinge. Colombo fischia subito il fallo per il Monza, rimangono a terra Carboni e il portiere e ci siamo chiesti cosa fosse successo in area. Carboni appoggia le mani, o trattiene, come piace più a voi, su Theo Hernandez. Vi faccio vedere anche la posizione del direttore di gara, che può vedere bene questa situazione. È una trattenuta: Colombo giudica l’entità per la quale, l’abbiamo sempre detto, il VAR non interviene. Da un’attenta lettura, però, si nota che c’è qualcosa anche di basso: quindi non è solo entità e intensità. A parte che a me sembra già un fallo questo, perché tu vai a limitare il movimento di un calciatore. Guardate cosa succede successivamente. Lui non può vederlo, ma guardate il ginocchio di Carboni che va sul polpaccio di Theo Hernandez. Non permette al calciatore di fare il passo successivo”.

Allora:

“Secondo me c’è una doppia fallosità in questa situazione: contatto alto e basso”.

MONZA-MILAN, ORDINE E “LA SUGGESTIVA LEGGE DEL CONTRAPPASSO”

Thiaw ingenuo:

“Sul rigore del Monza secondo me c’è un capolavoro. Nello spazio di due secondi, due falli assolutamente ingenui. Rigore assolutamente corretto”.

Infine, Cesari sull’espulsione di Jovic:

“Abbiamo guardato tutte le situazioni di gioco, che sono importanti. Colombo dice a Izzo e Jovic: ‘Only football’, perché c’era già stato qualcosa in precedenza. Passano pochi secondi e Jovic colpisce l’avversario, con l’arbitro di spalle che non vede nulla. Ma vi prego di guardare: sembra quasi richiamato dall’assistente, che ha visto un cartellino giallo per Jovic. Riceve una spinta da Izzo, ma contraccambia con uno schiaffo. Evidentemente si cambia colore ed è un’interpretazione perfetta”.

MONZA-MILAN, DOPO IL 4-2 DI STEFANO SVELA: “ARIA SPIACEVOLE, DUE SEGNALAZIONE”

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate