Come sta il Milan? Di Stefano dopo Monza: “Sensazioni con un ma”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Intervenuto da Milanello per Sky Sport, Peppe Di Stefano ha analizzato la sconfitta del Milan a Monza e la questione turnover

Dopo la sconfitta per 4-2 di ieri sera a Monza, per il Milan è tempo di voltare pagina e ripartire. La prossima sfida in programma è il ritorno del play off di Europa League contro il Rennes di giovedì, e sarà interessante capire come Stefano Pioli deciderà di gestire la questione turnover. Intervenuto da Milanello per Sky Sport, Peppe Di Stefano ha analizzato la sconfitta del Milan e Monza, ponendo l’accento sul fattore turnover e su quanto esso abbia condizionato il rendimento di ieri.

MONZA-MILAN 4-2, PIOLI: “TANTI ERRORI, MA OCCHIO A PARLARE DI RITMO”

Il commento dopo Monza-Milan

“Certamente Pioli si aspettava una risposta migliore da parte di chi ha messo in campo. Col senno di poi, forse un Milan coi titolarissimi avrebbe fatto molta meno fatica di quella che ha fatto ieri, anche perchè il Milan dopo 9 risultati utili consecutivi (7 vittorie e 2 pareggi) perde. Perde subendo 4 gol, e questo certifica che il Milan è la peggiore difesa della parte sinistra della classifica con 31 gol subiti, che sono tantissimi. Ma certifica anche che nelle 9 partite precedenti il Milan aveva giocato sempre con gli stessi giocatori…Pulisic-Leao-Giroud davanti, Reijnders Loftus-Cheek e uno tra Adli, Musah o Bennacer quando disponibile.

E’ chiaro che ieri c’è stata una rotazione talmente ampia che ha mostrato dei difetti, soprattutto a livello offensivo: male Okafor, malissimo Chukwueze, lo stesso Jovic ha impattato male la partita nel primo tempo e finito peggio nel secondo tempo con l’espulsione, pessima ai fini del risultato e della tenuta di squadra. Non bene in mezzo al campo, non bene Malick Thiaw in difesa ma in generale tutto l’apparato difensivo non ha fatto una gran partita.

MILAN, I VOTI DEI QUOTIDIANI DOPO MONZA: PULISIC TOP, PIOLI DIVIDE

Il turnover e la doppia identità

E’ una sconfitta che deve portare spunti e riflessioni, e non solo per quello che è stato ma per quello che sarà. La mia sensazione, che vivo spesso il campo da queste parti, è che il Milan ha un 11 di assoluto valore che in campo ottiene degli ottimi risultati, ma quando poi partono le rotazioni ampie la squadra cambia identità. Ieri si è visto, non solo per una questione di atteggiamento ma anche di qualità degli uomini, soprattutto in attacco”.

MONZA-MILAN, ORDINE: “JOVIC, SCEMPIO INGIUSTIFICATO: ORA FINISCA LA STORIELLA”

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate