Il giocatore dell’Udinese: “Nulla da perdere col Milan: mi manca il gol, no?”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Il Milan non può che guardare avanti, il prossimo avversario è l’Udinese: il giocatore di Cioffi crede nel colpaccio e carica l’ambiente

La squadra di Pioli avrà finalmente una settimana piena per preparare Milan-Udinese, non sono ammessi errori: i 3 punti sono fondamentali. Dall’altra parte c’è una squadra in difficoltà, ma che di recente ha riportato sulla panchina Gabriele Cioffi. Il cambio di allenatore porta con sé sempre nuova linfa, come sottolineato da Jaka Bijol. Il difensore dell’Udinese ha suonato la carica verso il Milan: San Siro per lui sarà solo un’opportunità.

TREVISANI: “LA LEGA DOV’È? IL MILAN HA UN CALENDARIO OSCENO. CHE ERRORI DI PIOLI!”

Tranello Udinese: Bijol crede nello scherzetto al Milan

Il classe 1999, Jaka Bijol, è un inamovibile per l’Udinese. Il difensore ha parlato così nel salotto di Udinese Tonight: “Contro il Monza si è vista la nostra motivazione”. Merito del ritorno di Gabriele Cioffi sulla panchina bianconera se quella appena trascorsa “è stata una settimana differente – spiega il difensore – Quando cambia il tecnico è sempre così, i giocatori vogliono convincerlo a puntare su di loro. Negli allenamenti c’è più energia”.

In particolare, racconta il classe ’99: “Il mister ci ha chiesto di lavorare nel rispetto di tutti: di noi come squadra, di lui come allenatore e dello staff. Siamo una famiglia e dobbiamo comportarci di conseguenza”. Con Cioffi i giocatori parlano molto, “prima e dopo gli allenamenti. È importante per stimolarci e capire cosa ci chiede – sottolinea – Confrontarsi è un bene, solo così possiamo migliorarci”.

Bijol è consapevole che “non si possono dire buone cose sulla difesa guardando la classifica, ma bisogna ragionare sul collettivo. Una squadra vera è tale se ogni giocatore fa il suo lavoro al 100%”. Il centrale non si abbatte e suona la carica: “Siamo all’inizio, penso a com’è andata l’anno scorso, che abbiamo iniziato bene e poi siamo calati. Questa stagione dovremo fare il contrario”.

L’avversario più difficile da affrontare è già alle spalle. “Victor Osimhen per me è a un altro livello. È sempre pronto ad approfittare di una sbavatura avversaria, corre tanto ed è difficile da tenere a bada”. In chiusura arriva il parere sugli impegni di novembre: dopo i sedicesimi di Coppa Italia contro il Cagliari, l’Udinese affronterà in Serie A Milan, Atalanta e Roma. “Quando vedo il calendario vedo solo opportunità per la nostra squadra – taglia corto il bianconero – Andiamo a Milano, non possiamo sbagliare niente e non abbiamo niente da perdere”. E l’ultima battuta è uno stimolo a migliorarsi ulteriormente: “Mi manca il gol, no?”.

Ritorna Cioffi: il precedente non sorride ai rossoneri

L’Udinese ha di recente esonerato Andrea Sottil, la situazione non è affatto confortante: infatti i friulani condividono il terz’ultimo posto con l’Empoli. La società ha deciso quindi di richiamare Gabriele Cioffi, già alla guida dei bianconeri tra il dicembre 2021 e giugno 2022. Il Milan dovrebbe ricordarselo bene, il tecnico alla sua prima panchina ha fermato la squadra di Pioli sull’1-1. Di certo non un precedente positivo per il Diavolo, servirà la massima attenzione.

PEDULLÀ: “JOVIC E ROMERO BOCCIATI: NON SONO DA MILAN!”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

milan udinese

Ultime news

Notizie correlate