Milan-Udinese, Cioffi lancia la sfida: “Siamo pronti!”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

L’allenatore dell’Udinese Gabriele Cioffi ha parlato dopo la sconfitta contro il Cagliari in vista del match di Serie A contro il Milan

Settimana “di riposo” per le big del nostro campionato. Come di rado succede nell’arco di una stagione nel calcio moderno, le migliori 8 squadre dello scorso campionato, e non solo, hanno avuto un’intera settimana per preparare la partita successiva di Serie A. Il motivo è presto detto: tra martedì, mercoledì e giovedì si sono giocati i sedicesimi di finale di Coppa Italia, che sono andati a stabilire le avversarie agli ottavi di finale delle migliori 8 della Serie A 2022-2023. La nuova Udinese di Gabriele Cioffi è scesa in campo contro il Cagliari, perdendo 2-1 dopo i tempi supplementari. Al termine della sfida, il tecnico dei friulani haparlato ai canali ufficiali del club, analizzando la prestazione dei suoi e volgendo già lo sguardo alla prossima sfida, quando la sua Udinese sarà ospite del Milan a San Siro.

MILAN-UDINESE, ARBITRA SACCHI: QUANTE POLEMICHE A LECCE!

“Contentissimo dei miei ragazzi”

Gabriele Cioffi ha esordito parlando della prestazione della sua squadra ed elogiando, uno ad uno, tutti i suoi giocatori. Si è soffermato specialmente su coloro che hanno giocato meno in questa stagione: “Sono molto contento dei miei giocatori. I ragazzi hanno avuto una grandissima personalità, David Pejicic sembrava avesse 30 anni, Antonio Tikvic non ha un minuto in Serie A e ha giocato benissimo. Fate la somma delle presenze in campionato tra le due rose. Noi abbiamo fatto una partita d’orgoglio. La sofferenza del primo quarto d’ora e degli ultimi minuti è una questione d’esperienza. Posso solo battere le mani a tutti, al 90esimo eravamo 1-1 con una rosa molto più grande di noi. Si vuole imputare a Ferreira un rinvio sbagliato al 119esimo? Noi dobbiamo essere orgogliosi. Ci fa soffrire non aver vinto, ma non è la priorità.

“Siamo pronti per il Milan”

L’allenatore dell’Udinese ha poi proseguito parlando dei suoi calciatori, specialmente quelli più giovani: “Quelli che per gli altri erano azzardi per me erano certezze, e io questa partita l’ho vinta. I tifosi hanno il diritto di fischiare ma se mi chiedi cosa ne penso io dei miei giocatori, io applaudo. Ora i leader sanno che accanto hanno altri giovani dietro. Questa gara ci servirà per la salvezza. Ora so che tutti hanno battuto presente. Mi dispiace tantissimo non aver passato il turno, mi dispiace non essere arrivati ai rigori che sono sicuro avremmo vinto. Ma sento di aver vinto perché la fiducia che ho dato ai ragazzi è stata ricambiata. Io sarei fiero di sapere che, se qualcuno dei senatori sbaglia partita, ho uno dei giovani pronto a dare il suo contributo. Ho vinto nel dargli fiducia e loro hanno vinto nel battere presente”. Cioffi ha poi voluto concludere lanciando la sfida ai rossoneri, prossimi avversari dell’Udinese in campionato (sabato alle ore 20:45 a San Siro):Siamo pronti per il Milan“.

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Milan Udinese

Ultime news

Notizie correlate