Milan U23 in Lega Pro, rischio Sud e Isole: la questione girone

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Il Milan U23, ancora formalmente non nato, potrebbe finire nel girone C di Lega Pro, quello del Sud e delle Isole: il punto

Oltre al problema dello stadio e dell’eventuale iscrizione al campionato di Lega Pro, per il nascente progetto del Milan U23 subentra un’altra questione da risolvere, quella del girone. Dopo aver praticamente scelto l’allenatore, il Milan è in attesa di sapere se, come e in che modo nascerà il progetto U23, quello della vera e propria seconda squadra.

Il regolamento

Secondo quanto riportato dal quotidiano, anche se chiaramente non è stata ancora definita la distribuzione dei gironi per la prossima Lega Pro (siamo a stagione in corso), il futuro Milan U23 potrebbe finire nel Girone C, quello del Sud e delle Isole. Questo perché per regolamento, il nascente progetto rossonero non può finire nel girone insieme a Juventus Next Gen e Atalanta U23, rispettivamente nel girone B e nel girone A di Lega Pro.

Il club di via Aldo Rossi, scrive Tuttosport, “ha già definito la richiesta di partecipazione, ma“, come sappiamo, “deve aspettare che si liberi un posto, in seguito all’eventuale mancata iscrizione di una delle società della Serie C 2024-25 a causa dell’impossibilità di rispettare i parametri stabiliti dalle norme“. Sarà un mese di giugno molto caldo per il progetto del Milan U23.

Ultime news

Notizie correlate