Milan U23, Ibrahimovic spinge: decisivo il ruolo di Kirovski

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Il Milan è pronto ad avviare il progetto dell’U23 in Serie C, ma per realizzarlo una figura potrebbe essere cruciale: Jovan Kirovski

Il Milan potrebbe essere la terza realtà di Serie A a costituire una seconda squadra U23 in Serie C. Come fatto da Juventus e Atalanta, anche i rossoneri vorrebbero inserire un ulteriore gradino tra la formazione Primavera e la prima squadra, creando una formazione U23 in cui i giovani potrebbero confrontarsi con calciatori professionisti della terza divisione del calcio italiano. Zlatan Ibrahimovic spinge forte su questo progetto e il profilo del suo amico Jovan Kirovski potrebbe essere decisivo.

Il ruolo di Kirovski

Stando a quanto riportato da Tom Bogert, analista di The Athletics, il Milan sta valutando seriamente il profilo di Jovan Kirovski, dirigente conosciuto da Ibrahimovic nei suoi anni al Los Angeles Galaxy. L’ex centravanti svedese crede molto nel progetto del Milan U23 e avrebbe identificato in Kirovski la figura perfetta per curare la seconda squadra e soprattutto il rapporto con la prima. Ma quale sarebbe la funzione di questa seconda squada? La sua utilità è duplice. I calciatori più talentuosi ptorebbero farsi le ossa in una realtà già abbastanza competitiva e dimostrare il loro valore alla prima squadra. I calciatori che invece non dovessero dimostrarsi al livello sufficente, potrebbero essere monetizzati grazie ad una cessione. La formazione U23 avrebbe dunque il compito di formare le stelle del futuro per il Milan o diventare uno strumento per fare soldi e contribuire al calciomercato della prima squadra.

Ultime news

Notizie correlate