Simic, Bartesaghi, Camarda: tempo di Milan U23? Tra costi e benefici

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

L’esordio da favola di Jan-Carlo Simic riporta in voga l’idea del Milan U23 in Serie C: vantaggi, criticità e costi

È un Milan giovane, molto giovane. Con gli ultimi esordi, i rossoneri sono diventati la sesta squadra più giovane del campionato per età media. Il settore giovanile sta lavorando in maniera oculata, con i rossoneri in vetta o comunque in lotta per posizioni di classifica di vertice in quasi tutte le categorie fino all’U15. La Primavera di Ignazio Abate, l’ultima tappa verso la prima squadra, gioca un calcio spumeggiante e mette in mostra diversi interpreti. I giovani rossoneri sono dominanti sia in campionato, dove sono attualmente in seconda posizione (condizionati anche dalle tante assenze della prima squadra, che portano spesso alcuni pilastri della Primavera ad aggregarsi ai grandi) e ancora più convincenti in Youth League, dove hanno passato da primi in classifica il girone. E adesso? Qual è il passo successivo? Attenzione al progetto Milan U23.

MARANI, MESSAGGIO AL MILAN? “AVANTI CON LE UNDER 23 IN SERIE C”

Tanti giovani “in bilico” tra Primavera e prima squadra

In un pezzo uscito sull’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, il giornalista Luca Bianchin analizza diversi giovani in procinto di fare il salto. Prima di tutto l’attenzione va a quei giocatori che già stabilmente si allenano con la prima squadra come Davide Bartesaghi (2005), in campo ieri contro il Monza, Chaka Traoré (2004), che ha esordito in Champions League contro il Borussia Dortmund, e Lapo Nava (2004), quarto portiere del Milan in trattativa per il rinnovo del contratto. A questi si vanno ad aggiungere i due esordienti di queste ultime settimane, seppur per “emergenza” che per scelta tecnica: Francesco Camarda (2008) e Jan-Carlo Simic (2005). Non dimentichiamoci poi della panchina, dove si sono già accomodati altri giovanissimi di Abate come Clinton Nsiala (2004) o Alex Jimenez (2005). Proprio quest’ultimo, giovane terzino destro del Real Madrid in prestito ai rossoneri, stava per esordire ieri contro il Monza, ma l’infortunio di Noah Okafor ha cambiato forzatamente i piani di Pioli. Ultimi, ma non per importanza, quei giocatori della Primavera di Abate che non sono ancora stati convocati dalla prima squadra, ma che sembrano più pronti di altri compagni: Kevin Zeroli, Victor Eletu, Adam Bakoune e Diego Sia.

ESCLUSIVA, GALLI: “SIMIC MATURITÀ INASPETTATA, ECCO CHI MI RICORDA”

Progetto Milan U23, tra costi e benefici

Ma come si può ottimizzare al meglio il percorso di crescita di tutti questi ragazzi? Chiaramente è difficile pensare che possano diventare fin da subito titolari o prime riserve nel Milan. E di certo non è semplice trovare spazio per tutti, specialmente in condizioni normali di infortuni. La soluzioni sembrerebbe essere una formazione U23 in Serie C. Già da diverso tempo i rossoneri valutano il progetto, sulle orme di Atalanta e Juventus che già hanno formazioni in Lega Pro. Chiaramente tutto questo non è gratuito, ma costerebbe alle casse della società di via Aldo Rossi tra i 7 e i 10 milioni di euro l’anno. Ma i pareri sembrano essere favorevoli. Non è impossibile che alla fine i potenziali benefici prevalgano sugli svantaggi nella mente di chi prende le decisioni.

MILAN, L’EXPLOIT SIMIC CAMBIA I PIANI DI CALCIOMERCATO PER LA DIFESA? 

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate