Milan, così gioca il duttile Slavia Praga: l’analisi tattica

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Il Milan si appresta ad affrontare una squadra duttile e mobile come lo Slavia Praga: analisi tattica sugli avversari di Europa League

Abbiamo parlato dei giocatori da tenere d’occhio, ora ci concentriamo sulle mosse tattiche che potrebbero attuare domani sera: focus sullo Slavia Praga, avversario del Milan agli ottavi di Europa League.

Duttilità e coraggio

L’impostazione di Trpisovsky è quella di un 3-4-3, che spesso a partita in corso si trasforma in più classico 4-4-2. Tuttavia, è da sottolineare che il modulo resta spesso fluido vista la grande duttilità di diversi interpreti nelle varie zone di campo. Solitamente, è più facile considerare i cechi come una squadra che parte aggressiva e con un baricentro alto in casa. Ma proprio perché abituata a farlo, bisogna fare attenzione perché, evidentemente, sono in grado di proporre questo tipo di approccio e chissà che non vogliano provare a sorprendere gli uomini di Stefano Pioli.

Quando si sentono in fiducia durante la partita, poi, la loro linea difensiva spesso accetta l’1 contro 1, esattamente come il Milan. Gli esterni (solitamente Doudera e il capitano Boril) spingono parecchio proprio per creare superiorità numerica sulle fasce. Il tecnico Trpisovsky alle volte cerca di fermare sul nascere la costruzione avversaria bloccando il protagonista della fonte principale di gioco. Dunque, Adli avvisato.

Ultime news

Notizie correlate